Amyko: il braccialetto per viaggiare sereni


amyko braccialetto Amyko, si scrive diversamente, ma si legge proprio come “amico”, perché lo è, e in modo speciale, se siamo di quelli che stanno per partire, con famiglia a seguito, e con tutta l’intensione di trascorrere delle vacanze all’insegna della serenità e della sicurezza.



Amyko è un servizio amico, in cloud, con l”aspetto di un braccialetto NFC che trasmette e ci permette di vedere e monitorare le informazioni di primo soccorso di chi lo indossa su smartphone o tablet. Ovviamente rispettando la privacy: qualche amico si permetterebbe mai di divulgare dati personali? Certo non Amyko.

Prima di conoscere meglio come funziona questo utile ed intelligente compagno di viaggio, possiamo iniziare a definirlo come una sorta di angelo custode, che veglia sulla nostra vacanza in modo che se stiamo partendo con famigliari e amici, con figli piccoli, possiamo rilassarci comunque e non restare in apprensione 24 ore su 24, delegando ad Amyko le preoccupazioni.

Questo braccialetto per viaggiare sereni proteggerà noi e i nostri cari senza neanche che ce ne accorgiamo, con massima discrezione, come le migliori guardie del corpo, pronte a proteggerci in caso di bisogno.

Per prima cosa possiamo archiviare all’interno del cloud tutti i dati medico-sanitari e di primo soccorso dell’utente del bracciale, in modo che in caso di emergenza, non manchino le informazioni essenziali per intervenire nel migliore dei modi. Questo vuol dire che, con Amyko al polso, portiamo con noi il nostro gruppo sanguigno, le eventuali allergie, le patologie e i referti che possono tornare utili nel caso che, scaramanticamente, succeda qualcosa.

amyko braccialetto

Amyko non è solo un archivio di informazioni sulla nostra forma fisica, da mettersi addosso e potare con sé, ma fornisce anche servizi utili, fondamentali per chi viaggia con famiglia e bimbi a cui badare ma anche con cui svagarsi in totale serenità. Sono al momento quattro i servizi a portata di polso.

Possiamo ad esempio indicare tre numeri da contattare in caso di emergenza e saranno proprio quelli verso cui partirà la “Direct Call” di Amyko, tramite chiamata al centralino. Sono contatti che preventivamente, già al momento dell’iscrizione, decidiamo di eleggere come preferenziali e da quel momento restano in memorizzati.

In vacanza, e per chi ha poco orientamento, anche in città, potrebbe essere utile anche voler comunicare la propria posizione con un SMS. C’è il servizio Self Help che lo fa al nostro posto, con Amyko, in modo da non dover avere anche il problema di farci localizzare, se già siamo in una situazione problematica, per qualsiasi motivo ciò avvenga. Altro che segnali di fumo, sono “segnali in cloud”.

Amyko non è utile solo in caso di emergenze ma anche nella quotidianità, ci affianca ora per ora, pillolina per pillolina. Se stiamo assumendo farmaci, noi o i nostri famigliari, una volta impostato il Medical Reminder, il bracciale ci avverte quando è il momento di assumerlo in modo da non scordarci, se impegnati in altre attività. E’ possibile impostare più alert e far sì che l’avviso di “reminder” sia attivato su più account.

Tornando ai nostri tre contatti preferenziali “eletti” per essere avvisati nel momento del bisogno, con il servizio Tap To Call basta una semplice scansione del bracciale perché parta una chiamata.

amyko braccialetto

E’ chiaro come avere un Amyko sia importante tutto l’anno ma bisogna ammettere che andare “in viaggio con Amyko” è tutta un’altra storia. Per questo, proprio nei mesi classici di partenza verso mete lontane, per viaggi in famiglia con bambini piccoli, questo bracciale intelligente e sensibile è più prezioso che mai. Assicura la completa tracciabilità e reperibilità di chi lo indossa, e la totale serenità di chi gli è affezionato.

Possiamo girare il mondo anche con figli in età scolare senza timore che che si perdano tra le vie di città a loro ignote o nei boschi di foreste incontaminate, senza restare con il respiro sospeso, che sottintende il pensiero “se gli succede qualcosa?”. In viaggio con Amyko, succede solo di rilassarci e divertirci.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!




Pubblicato da Marta Abbà il 13 luglio 2016