Come annullare un volo


come annullare un volo

Non è facile ottenere il rimborso del prezzo del biglietto aereo quando il volo è stato annullato spontaneamente dal passeggero, tuttavia oggi vedremo come annullare un volo e ottenere (almeno in parte) il rimborso del costo del biglietto.

La gran parte delle compagnie aeree non prevedono alcun rimborso dei voli annullati spontaneamente dal passeggero. Chi ha dubbi riguardo la fattibilità della partenza farebbe bene a stipulare un’assicurazione per coprire l’eventuale disdetta.

Se avete acquistato un biglietto aereo che non potete utilizzare, avete due strade:
-rivendere il biglietto aereo eseguendo la variazione dei dati del passeggero
-chiedere un rimborso e annullare la vostra prenotazione

Per la prima ipotesi (la variazione dei dati), vi rimandiamo all’articolo Come cambiare il nome del passeggero con Ryanairla guida prende Ryanair come esempio ma è analoga per tutte le compagnie low cost. Per la seconda opzione, vi rimandiamo a quanto segue.

Come annullare un volo

Il servizio ChangeYourFlight
Il servizio ChangeYourFlight fa da intermediario tra i passeggeri e le compagnie aeree. Chi ha necessità di disdire un volo o semplicemente cambiare le date, può inserire i dati del proprio biglietto nel modulo di richiesta messo a disposizione sul potale ChangeYourFlight. Questo servizio non eroga un vero e proprio rimborso ma elargisce un voucher utile per l’acquisto di un volo successivo.

Come annullare un volo con Transavia 
La compagnia Transavia gestisce la disdetta del volo mediante un servizio call center e mediante un modulo da compilare online. In questo contesto il passeggero potrà avvalersi dell’assicurazione per l’annullamento.

Se non vi è alcuna assicurazione per annullamento, allora potranno essere rimborsate solo le imposte al fronte di una spesa di 30 euro per gestire la pratica amministrativa.

Come annullare un volo con Easyjet  
La politica di Easyjet non prevede alcun rimborso per chi acquista un biglietto aereo che non può utilizzare. L’unica eccezione è prevista per chi cancella il volo entro le 24 ore dall’acquisto: qui è previsto un rimborso (non totale, sarà trattenuta una piccola penale e non saranno restituite le commissioni aggiuntive per bagaglio, speedy boarding…) e per ottenerlo bisognerà rivolgersi al servizio clienti del sito.

Se sono trascorse più di 24 ore dalla prenotazione, per annullare il volo e ottenere dei crediti (una sorta di buono da spendere su EasyJet) sarà necessario motivare l’annullamento. L’unica “scusante” accettata da EasyJet per poter erogare un buono è il lutto. In questo contesto, a discrezione del team di EasyJet, l’utente potrà ricevere una nota di credito ma dovrà fornire il certificato di morte. Le uniche perdite prese in considerazione da EasyJet riguardano solo un membro diretto della famiglia: partner, figlio, genitore, fratelli, sorelle, nonno.

Come annullare un volo con Ryanair 
Così come EasyJet, anche Ryanair non prevede alcun risarcimento per chi annulla spontaneamente un volo. E’ possibile presentare domanda in forma scritta per avere il rimborso delle tasse governative nelle stesse modalità spiegate nel paragrafo dedicato a Transavia.

 

Pubblicato da Anna De Simone il 7 novembre 2014