Come viaggiare low cost. Ecco 5 regole d’oro


come viaggiare low cost

A chi non piace viaggiare? Certo, staccare un po’ la spina dalla routine quotidiana a volte si rivela necessario ma cosa ce lo impedisce? Ovviamente ci sono gli impegni di lavoro che non ci consentono di poter viaggiare in qualsiasi periodo dell’anno ma questo non è l’unico impedimento, molto spesso sono gli alti prezzi delle vacanze a scoraggiarci, ecco perché oggi vi daremo delle indicazioni su come viaggiare low cost e ridurre i costi legati ai trasporti e ai soggiorni.

Come viaggiare low cost, 5 regole d’oro

1) No ai pacchetti viaggi

Prima regola che dovete imporvi è quella di evitare i pacchetti vacanza e le agenzie di viaggio: le loro offerte possono magari sembrare allettanti ma una volta applicate le commissioni, risulterà meno conveniente rispetto un viaggio organizzato autonomamente. La mia esperienza? Ho comprato un pacchetto vacanza per una settimana in Turchia ad un costo bassissimo (circa 300 euro): nel prezzo era incluso volo, pernottamento in albergo 4 stelle e prima colazione. Una volta arrivata a destinazione, ho dovuto pagare altre 200 euro all’agenzia per i pasti e le visite ai musei. Non vi era alternativa, gli hotel sono belli ma hanno posizioni strategiche: sono isolati e lontanissimi dal centro per cui diventa impossibile trovare alternativa per i pasti.
Altra cosa piuttosto antipatica è che vi impongono la visita in botteghe o fabbriche e vi invitano agli acquisti: è questa l’ultima frontiera del turismo low cost e prende il nome di travel shopping, si tratta di pacchetti viaggi a basso costo organizzati per promuovere la vendita di specifici prodotti. L’intera vacanza in Turchia di sette giorni è costata 500 euro pasti, trasferimenti, voli e visite incluse, un prezzo accettabilissimo ma non privo di compromessi!

2) No alle mete più gettonate

Se volete risparmiare evitate le mete più gettonate: spesso le mete meno conosciute si rivelano molto affascinanti e magari situate a pochi chilometri da quelle più di tendenza. Prendete anche in considerazione il costo della vita del paese che visiterete, con particolare riferimento ai mezzi pubblici e alle strutture ristorative. Controllate se ci sono abbonamenti al trasporto pubblico ed eventuali carte turistiche.
Se potete farlo, scegliete i periodi di bassa o media stagione così da poter trovare tariffe sensibilmente più basse.

3) Organizzate il viaggio con adeguato anticipo

Molte compagnie aeree e le società ferroviarie offrono spesso per ogni viaggio un piccolo numero di posti a prezzi decisamente più bassi rispetto alle tariffe standard: prenotare il prima possibile vi consentirà di accaparrarveli.
Non esagerare: non andate oltre tre mesi di anticipo. Non dimenticate che modificare le date in seguito, se anche fosse consentito, comporterebbe il pagamento di un salato sovrapprezzo.

4) Verificate le condizioni in caso di cambio prenotazione

Per quanto riguarda gli hotel, prima di prenotare il soggiorno con la carta di credito, verificate quali siano le condizioni di cambio prenotazione. Molte strutture consentono infatti di effettuare cambiamenti o cancellazioni gratuitamente fino a pochi giorni prima della data prevista di arrivo.

5) Assicuratevi di poter disporre di wifi

Fate in modo di poter contare su una connessione al Web anche durante la vostra permanenza, e portate con voi un dispositivo adatto a collegarvi. La rete è piena di opinioni lasciate da persone che hanno visitato i vostri stessi luoghi; leggerle vi permetterà di trovare le possibilità più economiche, nonché di evitare le odiose trappole per turisti.

Appunti di viaggio
Considerate la possibilità di dormire in ostello: oltre ad essere la sistemazione più economica, è anche un ottimo modo di fare nuove amicizie!
Molte compagnie low cost operano su aeroporti secondari pertanto considarate anche il costo del trasporto per raggiungere la vostra destinazione finale.

Per approfondimento vi rimando alla lettura dell’articolo “Come fare una vacanza low cost”

Ti potrebbe interessare anche Oman: viaggi organizzati

Pubblicato da Anna De Simone il 14 marzo 2015