Cosa vedere alle isole Eolie



Le isole Eolie, situate nel mar Tirreno a nord della Sicilia, sono un vero e proprio gioiello naturalistico; non a caso sono patrimonio dell’Umanità sancito dall’Unesco. Meta rinomata e popolare, le isole Eolie ogni anno attirano sul proprio territorio ben più di 200mila visitatori; a Stromboli e Vulcano, si trovano due vulcani attivi. La bellezza di queste sette isole e degli isolotti che le circondano è fuori discussione: non a caso vantano la fama di essere le sette perle del Mediterraneo. Ogni isola ha un tratto caratteristico che la rende imperdibile e originale; sono sette lembi di terra che vi descriverò di seguito.

Visitare le isole Eolie, le località

  • Lipari è la più grande delle Eolie; eccetto Salina,tutte le altre isole dell’arcipelago sono amministrate da quì. L’aspetto di Lipari è quello di una montagna bianca: merito della pomice, che viene estratta sull’isola e che rappresenta una delle maggiori attività economiche. Lipari è inoltre l’isola meglio organizzata in termini di alloggi, ville, appartamenti e case in affitto. Da qui, inoltre, è molto semplice muoversi verso le altre isole, con navi e aliscafi di linea.
  • Stromboli è un’isola vulcanica caratterizzata da questo vulcano attivo, il cui cono da millenni sgorga pennacchi di fumo e lanci di lava incandescente a getti continui ogni 15 minuti; il vulcano di Stromboli infatti è l’attrazione indiscussa di quest’isola che attira per questo motivo moltissimi amanti della fotografia. Vicino a Stromboli si trova il piccolo scoglio di Strombolicchio.
  • Salina è la seconda isola per dimensioni, dietro a Lipari, caratterizzata da due vulcani spenti, chiamati “Fossa delle Felci” e “Fossa dei Porri”.Turisticamente all’avanguardia, con case in affitto, negozi e ogni forma di benefit per i viaggiatori, è una delle isole più visitate.
  • Vulcano presenta un’attività vulcanica ancora in stato di attività. La sua posizione geografica la rende la più raggiungibile: è l’isola più vicina alla costa siciliana, dista infatti solo venti miglia da Milazzo.
  • Panarea è la più piccola delle isole dell’arcipelago, ma è quella che presenta più isolotti adiacenti. In seguito a un’antica eruzione vulcanica gran parte dell’isola è sprofondata e si sono formati una serie di piccoli lembi di terra staccati tra di loro.
  • Alicudi è l’isola meno turistica. Si tratta di un’isola non proprio a portata di mano, dato che si trova fuori da tutte le rotte commerciali e per questo motivo non è stata trasformata in un centro turistico.
  • Filicudi, anche ques’isola è poco turistica. Si tratta di un lembo di terra remoto, antico, il luogo ideale per tutti coloro che cercano la pace e la tranquillità.

Pubblicato da Anna De Simone il 7 ottobre 2013