Fes, meravigliosa località marocchina



Nell’entro terra del Marocco, sorge Fes, una città definita la “Firenze del Maghreb” in quanto accomunata dal simbolo (il giglio) e dal vasto patrimonio artistico. Fes vanta inoltre una grande fama culturale, per la presenza della più antica università del mondo occidentale: è nata ben prima di Oxford e della Sorbona. Questa università sorge all’interno di un imponente struttura, ovvero la Moschea Karaouine con le sue tegole smeraldo. Moschee, palazzi intarsiati dalle ceramiche e decorati da scritte arabe rappresentano la maggior parte dei luoghi di interesse di Fes. Tra le moschee tre sono quelle più conosciute, Jamaa Al-Achiakh, Jamaa Achourafa e Jamaa Al-Andalous.


Fes è caratterizzata da una zona vecchia e da una zona nuova, ognuna con una propria caratteristica che merita di essere visitata.
Fes è facilmente raggiungibile dall’Italia grazie al fatto che è ben collegata dagli aeroporti minori, come Bergamo e Pisa con compagnie low cost; vi è anche la compagnia marocchina Air Royal Maroc con partenze settimanali dalle città principali, come Roma, Milano e Bologna.

Le attrazioni nella vecchia Fes
La parte vecchia di Fes è senza dubbio la più affascinante: un labirinto di stradine piccole e intricate che rendono l’atmosfera di questo posto quasi irreale.

  • Imperdibile la Medina, ovvero il centro antico di stampo prettamente musulmano, dove si trovano la maggior parte delle attrazioni quali moschee, vicoli, piazze, mercati e botteghe artigianali. La Medina dovete visitarla se volete godere di tutte le bellezze che offre
  • Bab Boujeloud è la porta occidentale di ingresso alla città, risale al 1913 ed è una porta monumentale molto bella con la facciata decorata di maioliche colorate
  • La Moschea Karaouine è la più importante moschea della città, fu realizzata nell’857 da Fahima, figlia di Muhammad al-Fihri e viene visitata per le sue incredibili decorazioni e per le sue grandi dimensioni: pensate che può ospitare 20mila fedeli.

Le attrazioni nella nuova Fes
Di questa parte della città è interessante visitare il quartiere ebraico de la Mellah all’interno del quale si trova la Sinagoga Habarim e il cimitero ebraico.

  • La Zaouia di Moulay Idriss II è una costruzione sacra il cui ingresso è consentito solo ai musulmani: è famosa perché racchiude le spoglie del santo Moulay Idriss II, il fondatore della città di Fes
  • Da non perdere le sorgenti termali di Moulay Yacoub, famose per le loro virtù curative e per la loro atmosfera rilassante con le acque calde.

Pubblicato da Anna De Simone il 15 febbraio 2014