Isole Faroe: come arrivare e mappa


Isole Faroe

Isole Faroe, appartengono alla Danimarca ma sono un regno a sé stante e chi le raggiunge desidera separarsi dal continente per godere del relax e del silenzio che lì sono custoditi. Sono la destinazione per chi ama zone incontaminate, inesplorate e da girare con calma.



Si tratta di 18 isole, immerse nell’oceano Atlantico settentrionale che formano un arcipelago. Contano poco più di 50,000 abitanti, umani, che vivono in pittoreschi villaggi di pescatori, altri viventi sono uccelli di varie specie, e pecore. Le Isole Faroe hanno sicuramente aumentato la loro fama dal 2015 in poi, perché in quel anno hanno vinto il premio dei lettori, il “Readers Choice 2015”, del National Geographic Traveler.

Isole Faroe: come arrivare

Situate nel nord dell’Oceano Atlantico tra la Scozia, la Norvegia e l’Islanda, possono essere raggiunte via mare o con un volo aereo. Nei mesi estivi è più facile arrivarvi, soprattutto via mare, con il traghetto Norröna. Da giugno a fine agosto ci sono due partenze settimanali dalla Danimarca alle isole Faroe, nel resto dei mesi la partenza dalla Danimarca è solo il sabato.

In media il viaggio dura 36 ore e una volta arrivati sulle Isole Faroe ci si accorge che i collegamenti interni sono efficienti e pratici. Ci sono strade, tunnel anche sott’acqua e ponti, tanto che vale la pena di affittare un’auto per girare meglio.

Isole Faroe

Isole Faroe: cosa vedere

Una delle mete sulle Isole Faroe più visitate è il lago di Leitisvatn, il più grande delle Faroe, sull’isola di Vagàr mentre il panorama è splendido da Gasadalur, il punto più alto dell’isola, da cui scattare foto meravigliose.

Per chi ama anche la storia, oltre che la natura, da vedere c’è Kirkjubøur che ospita un villaggio vichingo e anche le rovine di una delle chiese più antiche d’Europa. Per visitare le Isole conviene sperimentare i molti percorsi, anche di montagna, e raggiungere le scogliere di Djupini, il faro di Stóra Dímun e la capitale delle Isole, Tórshavn, la più piccola capitale del mondo.

Isole Faroe

Isole Faroe: clima

Tra le primavera e l’autunno, tutti i mesi sono piacevoli per un viaggio alle Isole Faroe mettendo però sempre in conto che stiamo andando in vacanza in una delle aree più piovose del mondo. Facciamo la valigia in modo quindi da non farci cogliere di sorpresa e cercando di pensare che anche con la pioggia e la nebbiolina, certi paesaggi restano davvero magici e spettacolari.

Isole Faroe: dove dormire

Per dormire è meglio recarsi nella capitale, a Tórshavn, dove si trovano gli hotel più attrezzati e anche negozi di design locale, ristoranti, iniziative artistiche e culturali che richiamano alle tradizioni del posto. Se si desidera, si può fare un salto al Museo Listaskalin che ospita sempre mostre permanenti di dipinti e arte faroese contemporanea. Per cenare in modo tipico e raffinato, è consigliato il ristorante Stellato Koks.

Isole Faroe: voli

Con l’aereo si possono raggiungere le Isole Faroe abbastanza facilmente, con voli diretti tutto l’anno dalla Danimarca, dall’Inghilterra, dall’Islanda e dalla Norvegia. Si atterra all’aeroporto di Vagar, a 56 km dalla capitale Thorshavn, ma poi ci sono pullman ogni ora per arrivare in città.

Isole Faroe: mappa

Isole Faroe

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbero interessare anche: Come raggiungere l’Islanda

Pubblicato da Marta Abbà il 11 ottobre 2017