Come muoversi a Ischia


Ischia è l’isola più grande del Golfo di Napoli e attira il turista internazionale grazie alle sue bellezze naturali, al suo clima mite e alle sue salutari risorse idrotermali ricche di strutture wellness all’avanguardia. Ischia si mostra con scenari unici dove le sfumature verdi dei vigneti, uliveti, agrumeti si mischiano e si confondono con le pittoresche dimore in calce bianca, incorniciate da un mare azzurro e un cielo spettacolarmente celeste.

Ischia può essere visitata in tutta comodità grazie a una rete stradale molto efficiente e grazie all’efficienza dei mezzi pubblici e alternativi. Vi è una strada statale a due corsie che percorre tutta l’isola e collega comuni e porti, mentre l’interno si raggiunge con strade, stradine e vicoli stretti. I centri storici dell’isola sono pedonali.

Come muoversi a Ischia in autobus
Gli autobus di linea sono EAV BUS e possono essere arancioni o rossi. Tutti i principali centri dell’isola sono coperti dalla linea con partenza dalle 5 di mattina fino a notte inoltrata. Le linee principali sono CD e CS,  fanno il giro dell’isola con capolinea a Ischia Porto, Piazza Trieste e Trento mentre altri linee raggiungono le spiagge e i punti più belli dell’isola.

Il biglietto singolo costa circa 1,30 euro e dura 90 minuti. Per chi sceglie di girare l’isola in autobus ci sono biglietti a prezzo ridotto che durano 6, 24, 48 ore e abbonamenti settimanali. I biglietti si acquistano in edicole, bare e tabaccherie. E’ sconsigliato acquistare il ticket in autobus perché il prezzo è sempre più salato.

Muoversi a Ischia sfruttando la rete pubblica è la soluzione migliore. I taxi sono troppo costosi, noleggiare l’auto non sempre è vantaggioso a causa delle aree pedonali, del traffico e dei parcheggi a pagamento. I pullman sono frequenti e coprono bene tutta l’isola, l’unica pecca è che questi sono spesso molto affollati. Qui di seguito le varie alternative agli autobus.

Come muoversi a Ischia in auto
Ischia è comoda da esplorare in auto ma è meglio usarla con parsimonia in determinati periodi. Grazie alla strada statale è possibile fare il giro dell’isola fermandosi nei punti più belli per ammirare il panorama, e raggiungere cale, spiagge e pinete. I parcheggi custoditi si trovano in tutti i centri principali dell’isola ma in estate il traffico è congestionato per cui si rischia di restare imbottigliati in coda anche per andare in spiaggia.

Il problema è molto evidente nel mese di Agosto soprattutto nei centri più urbanizzati  quali Ischia, Forio, Casamicciola e Lacco Ameno. A Barano e a Serrara Fontana circolano meno auto, per cui i parcheggi non sono un grosso problema. Per i residenti in Campania non è possibile imbarcare auto e motocicli da aprile ad ottobre.

Come muoversi a Ischia in scooter
Lo scooter è molto più pratico e divertente ed è anche il mezzo più usato a Ischia: è possibile raggiungere tutti i punti della costa e dell’interno, quasi fino al Monte Epomeo. Per chi non avesse imbarcato il proprio scooter è possibile noleggiarlo a prezzi molto competitivi, vista la concorrenza spietata sull’isola.

Come muoversi a Ischia in taxi
A Ischia è possibile muoversi con i microtaxi, caratteristici motocarri a tre ruote adibiti a trasporto passeggeri, con divanetti, musica e un autista pronto a raccontarvi gli aneddoti più simpatici sulla vita di Ischia e portandovi praticamente ovunque. Sono nelle piazze dei centri principali e agli sbarchi di traghetti e aliscafi.

Come muoversi a Ischia. Consigli utili
La bellezza dell’isola è indiscutibile tuttavia ci sono ostacoli improvvisi che possono compromettere la vacanza. Ecco alcune raccomandazioni.

  • Attenzione alle auto o moto che sbucano da una strada senza dare precedenza.
  • Attenzione alle auto o moto che svoltano senza freccia.
  • Attenzione agli scooter a velocità che fanno zig zag nel traffico.

Come muoversi a Ischia. Benzinai di turno
A Ischia non c’è avviso attaccato all’esterno del distributore che informa sul turno per cui è consigliabile leggere il giornale del posto per conoscere in tempo i turni di lavoro dei distributori di carburante. In alternativa l’informazione può essere data da un vigile urbano o dall’autista di bus pubblici. In ogni caso i distributori automatici di carburanti sono a Forio, a Barano e a Succhivo

Pubblicato da Anna De Simone il 6 settembre 2012