I migliori ristoranti d’Italia


Vi proponiamo una mini-classifica dei migliori ristoranti d’Italia 2014 estrapolata dalla guida de l’Espresso intitolata appunto “I ristoranti d’Italia”. Quali sono i ristoranti d’Italia ad aver ottenuto un punteggio più alto e degno di “bacio accademico”?

Il turismo enogastronomico desta l’interessa di molti viaggiatori. Sono sempre più numerosi i turisti a caccia delle tipicità del territorio spostando così l’attenzione dai classici villaggi turistici per concentrarla su particolarità territoriali che comprendono, tra l’altro, l’arte culinaria. Arriviamo alla nostra domanda: dove si mangia meglio in Italia?

Non possiamo fare a meno di citare l’Antica Corona Reale, Da Renzo, ristorante di Cervere (CN), il ristorande “Dal Pescatore” di Canneto sull’Oglio (MN), l’Osteria del Povero Diavolo a Torriana (RN) e il mio amato Torre del Saracino, in località Marina d’Equa, Vico Equense (NA). Tutti i ristoranti appena citati hanno ottenuto un punteggi di 18.5 nella Guida de L’Espresso ai migliori ristoranti d’Italia.

Appena sul podio
Sono diversi i ristoranti che hanno totalizzato 19 punti. C’è il Vissani di Baschi (TR), Villa Crespi di Orta San Giulio (NO), Uliassi di Senigallia (AN), Cambal.Zero di Rivoli (TO), e Casadinna Reale di Castel di Sangro (AQ)

#2 – Le Calandre, voto: 19.5
Con voto 19.5, a pari merito ottengono il secondo posto il ristorante Piazza Duomo di Alba (CN), Le Calandre di Rubano (PD) e La Pergola di Roma. Di questi tre vi apriamo una piccola finestra su “Le Calandre” in quanto la media di prezzi è leggermente più bassa rispetto ai due contendenti. A “Le Calandre” si possono gustare i piatti di Massimiliano Alajmo, tra le sue stravaganze la battuta di carne da mangiare con le mani sulla corteccia.

#1 – Osteria Francescana, voto: 19.75
La medaglia d’Oro è andata all’Osteria Francescana di Modena dove si possono gustare piatti che incarnano la più alta espressione delle nostra tradizioni culinarie. Non solo tradizioni ma anche particolarità: chi è a caccia di nuovi sapori può ordinare il Think Frog, cioè rane servite in crema di pinoli, pane al caffè e all’interno di un camouflage composto da erbe aromatiche e salsa di cottura.

Pubblicato da Anna De Simone il 26 ottobre 2013