Viaggi organizzati in Perù: la mia esperienza


viaggi organizzati peru Machu Pichu

Un viaggio organizzato in Perù con la mia compagna e una coppia di cari amici è stata la mia scelta per questa estate 2017! Ecco il mio racconto, con il percorso che abbiamo effettuato, le impressioni, in consigli e alcune delle oltre 200 foto che ho scattato!

Il nostro viaggio è partito dall’aeroporto di Milano Malpensa, lo scorso lunedi 7 agosto, alle 18.40, con un volo LATAM con destinazione Lima, previo scalo e cambio aereo a Madrid.

Arrivo a Lima puntuale alle 5:50 di mattina del giorno successivo. Ad accoglierci la nostra guida con autista e van dedicato che ci ha portato subito nel cuore della città. Dopo aver fatto checkin in hotel abbiamo iniziato il nostro giro della città, prima a piedi, lungo la passeggiata panoramica del Mirador e quindi in taxi fino alla Plaza de Armas (o Plaza Mayor), probabilmente il luogo più bello di Lima, su cui si affacciano la Cattedrale, il Palazzo del Governo (dove potrete assistere al cambio della guardia), il Palazzo dell’Arcivescovado, il Palazzo Municipale e il Palazzo dell’Unione.

Plaza Mayor Lima

Plaza de Armas (Plaza Mayor), nel cuore di Lima

Abbiamo quindi passeggiato per le vie del centro, ad acquistare i primi souvenir che in Perù saranno “una costante minaccia per il vostro portafoglio” :-) considerati i prezzi allettanti e i tanti prodotti di artigianato disponibili.

Abbiamo trovato ristoranti e taxi decisamente economici rispetto agli standard europei per cui da questo punto di vista potete mettere in preventivo spese contenute, anche puntando a ristoranti di fascia alta.

Di sera, grazie a Nohelia, un’amica conosciuta mesi fa ad Harvard siamo stati in un ottimo ristorante tipico: “La Panchita“, in Avenida Primavera 557. Porzioni molto abbondanti, cibo gustoso e vario, apprezzato da noi tutti.

La mattina del secondo giorno abbiamo preso il volo per Arequipa, la “Città Bianca” che abbiamo raggiunto in circa 1 ora e mezza.

Ad attenderci la nostra seconda guida con autista e van, sempre molto spazioso, che ha portato a visitare il pittoresco quartiere di Yanahuara, molto curato, con vicoli dipinti di bianco e con una deliziosa piazza affacciata sulle montagne circostanti. Sempre nella piazza principale abbiamo visitato la chiesetta di San Juan Bautista.

Molto suggestiva anche la sosta al belvedere di Carmen Alto da cui abbiamo potuto ammirare le antiche colture a terrazzamenti della valle di Chilina e gli alti vulcani con le cime innevate.

belvedere di Carmen Alto

vista dal belvedere di Carmen Alto

Giunti ad Arequipa abbiamo fatto checkin nel nostro albergo, Casa Andina Select Arequipa, bellissimo hotel, tra i migliori di quelli in cui abbiamo soggiornato, situato proprio in Plaza de Armas (si, in Perù tutte le piazze principali si chiamano “Plaza de Armas” :-), con una spettacolare vista sulla Cattedrale della città.

Cattedrale di Arequipa

La Cattedrale di Arequipa

Nel nostro soggiorno di due giorni ad Arequipa abbiamo apprezzato la pulizia e l’ordine della cittadina, i negozi ben presentati e la piacevolezza di una passeggiata per le vie del centro.

Tra le mete imperdibili tra quelle che ci ha mostrato la nostra guida, oltre alla già citata Cattedrale, vi segnalo:

  • Il Monastero di Santa Catalina, complesso religioso edificato nel 1579, su un’area di oltre 20.000 metri quadrati, con variopinte viuzze e giardini rigogliosi che faranno la gioia degli appassionati di fotografia per le tante opportunità offerte.
  • La Chiesa e i chiostri della Compagnia di Gesù.
  • Il Museo Santuario Andinos dove, tra gli altri reperti, è esposta la mummia di Juanita una giovane Inca sacrificata agli dei più di 500 anni fa e ritrovata sulla vetta del vulcano Ampato (6380 metri).
Monastero di Santa Catalina

Due scorci all’interno del Monastero di Santa Catalina

Il giorno seguente ci siamo trasferiti con un bus turistico a Puno, cittadina situata sul famoso Lago Titicaca, a 3.812 metri sul livello del mare.

Il tragitto è durato circa 8 ore ma il tempo è passato piuttosto rapidamente in quanto bus era decisamente confortevole e il panorama all’esterno decisamente spettacolare, centinaia di chilometri in cui la natura ha l’assoluto dominio, con aironi che riposano tra piccoli laghi di montagna e alpaca che pascolano liberamente.

Tra i panorami più interessanti segnalo quello sul Lago Lagunillas situato sopra i 4.400 metri slm.

lago lagunillas

Sosta al Lago lagunillas nei pressi di Puno: tirava un po’ di vento … :-)

Il giorno successivo lo abbiamo dedicato a visitare le meraviglie del Lago Titicaca: in una barca privata abbiamo raggiunto i villaggi galleggianti degli Uros (indigeni di origini aymara), costituiti da canne di totora (giunco) sapientemente assemblate in modo da creare una struttura stabile su cui poter costruire le tipiche abitazioni locali.

Villaggio Uros sul Lago Titicaca

Il Villaggio degli Uros sul Lago Titicaca

L’escursione sul Lago Titicaca è proseguita alla volta dell’Isola di Taquile, i cui abitanti di origine quechua sono conosciuti per le loro abili doti di tessitori = altri acquisti! :-) .

La visita “standard” offerta dalla guida ci ha portato lungo un sentiero che dal porto situato più a nord ci ha portato nella piazza principale del villaggio. Ho poi deciso di “prolungare” autonomamente la visita (i miei compagni di viaggi erano un po’ provati dal caldo e dall’altitudine), arrivando fino alla vetta dell’isola da cui ho potuto ammirare un paesaggio mozzafiato sul Lago Titicaca e sul territorio circostante fino a scorgere un tratto delle Ande all’orizzonte. Alla fine ci ho messo solo 15 minuti a salire e ancor meno a scendere (un po’ di corsa questa volta) visto che la guida mi aveva concesso 30 minuti per non alterare il programma. Ecco comunque il mio video …

Non male il panorama vero? :-)

Il nostro viaggio organizzato in Perù è proseguito con la tappa che più attendevo, quella che ci ha portato a raggiungere Cuzco, Agua Calientes e il mitico Machu Picchu (ritratto nella foto di apertura di questo articolo), una delle 7 meraviglie del mondo moderno.

Potete proseguire a leggere il mio racconto della parte finale e più suggestiva del nostro viaggio in un articolo dedicato Machu Picchu: viaggio tra storia e natura , pubblicato sul nostro sito partner IdeeGreen.it.

Se foste interessati a compiere un viaggio organizzato analogo a quello che ho fatto quest’estate potete scriverci come di consueto all’indirizzo email [email protected] e vi invieremo tutte le informazioni e i prezzi.

Pubblicato da Matteo Di Felice il 11 settembre 2017