Visitare Ventotene


Visitare Ventotene, ed ammirare le sue bellezze naturali, il mare cristallino, è un’emozione che non può essere descritta con le semplici parole, ma va vissuta! Ventotene, appartenente all’arcipelago pontino, è un isola castonata interamente nel tufo, con le pareti rocciose che si stagliano sul mare e che assumono un colore rossastro al tramonto. È la più piccola delle isole pontine ed è abitata da circa 600 abitanti: nel periodo estivo può ospitare un massimo di 3000 persone, il tutto concentrato in circa 3 km. La peculiarità dell’isola sta nell’esigua disponibilità di posti letto tale da rendere l’isola mai caotica e affollata.

Come raggiungere Ventotene
Per raggiungere l’isola bisogna potete imbarcarvi al porto di Formia, raggiungibile facilmente attraverso l’A1 (l’autostrada del sole): vi è servizio traghetto e aliscafo (compagnie Caremar e Vetor)
Sul traghetto potete imbarcare l’automobile, ma non ve lo consiglio dato che si tratta di una piccola isola e per di più caratterizzata da strade strettissime e tortuose.
In alternativa al porto di Formia potete imbarcarvi a Terracina (uno diretto e uno con scalo a Ponza), a Anzio (con scalo a Ponza) e a Napoli (con scalo a Ischia).

Cosa vedere a Ventotene
Una volta giunti a Ventotene potete visitare piazza Castello in cui si trova il Comune, il Museo Archeologico Proseguendo trovate un’altra piazzetta con la Chiesa di S.Candida. Questa piazzetta è aperta verso il Porto Romano, scavato interamente nel tufo.
Arrivati al Porto potete decidere di vedere la parte storico-archeologica, cioè la VillaGiulia, Le Cisterne e Le Peschiere, oppure potete noleggiare un’imbarcazione e navigare intorno all’isola per godere ancora di più del posto incantato in cui vi trovate.
Se poi siete amanti e/o esperti di immersione, vi consiglio di dare un’occhiata ai meravigliosi fondali dove sono stati ritrovati cinque relitti di navi romane con il loro carico: delle anfore ben visibili, diventate ormai un tutt’uno col fondale stesso.

Le spiagge di Ventotene
Più che spiagge possiamo parlare di piccole e caratteristiche calette tra le pareti rocciose.Non c’è da sorprendersi quindi se gli accessi al mare sono limitati, soprattutto a causa dei crolli delle pareti tufacee a picco sul mare. Tra le spiaggette troviamo: Cala Nave, stretta e lunga, quasi totalmente occupata da lidi privati. Cala Rossano, invece, sta nei pressi del porto nuovo: è molto più tranquilla della precedente e meno intasata di ombrelloni privati. Sempre su questa spiaggia si tengono le lezioni di vela. Le Piscine, nei pressi del faro trovate le Piscinela spiaggia più caratteristica: l’acqua in quel punto è meravigliosa con i pesci d’ogni genere a farci compagnia.

Pubblicato da Anna De Simone il 26 settembre 2013