Weekend low cost a Manchester


Non posso dire che il mio viaggio a Manchester sia stato esauriente, sia dal punto di vista della cose da fare che di quelle da vedere. Ad esempio, non ho visitato l’Old Trafford, e mi sarebbe piaciuto vedere una partita, ovviamente del Manchester United. Pazienza. Sarà per la prossima volta.
Dal momento che i biglietti aerei sono più che abbordabili grazie ai collegamenti della Ryanair per Liverpool (a 65 minuti di autobus da Manchester centro), direi che è abbastanza probabile. Se ritenete troppo cara Londra, o comunque vi piacerebbe scoprire una città tipicamente british, vi consiglio un weekend a Manchester.
Canal Street - Manchester
Ecco le cose che mi sono piaciute di Manchester:
Cucina indiana
Mi rendo conto che è una valutazione del tutto personale: vado pazzo per la cucina indiana. Di ristoranti indiani a Manchester se ne trovano veramente tanti, ma anche posti con cucina di ogni parte del mondo, dalla cucina halal a quella cinese. Tra Portland Street e Princess Street si trova Chinatown con l’arco cinese, attrazione e stop fotografico imperdibile. Non mi ritengo tanto esperto da poter stabilire la qualità e bontà di un piatto indiano, ma i due ristoranti dove ho mangiato erano pieni di famiglie indiane e pakistane. Avete bisogno di altre garanzie? Inoltre per una cena con primo, secondo e un bicchiere di vino non pagherete più di 25 sterline a persona. i due ristoranti indiani che vi consiglio sono: Zouk nel quartiere di Oxford Street, a sud del campus universitario, raggiungibile a piedi in 5 minuti e il east Z east vicino a Blackfriars Road a pochi passi dal centro commerciale Arndale.
Canal Street
La sera la strada che costeggia un canale nei pressi di Sackville Garden, un piccolo giardino pubblico, si riempie di gente giovane in voga di divertirsi, ma sul serio. Il campus universitario è lì vicino. Nei dintorni ci sono diversi locali gay, ma non solo. Poco dopo Canalstreet, in Sackville Street c’è anche la fermata dell’autobus Terravision per raggiungere l’aeroporto di Liverpool.
Il Pub più piccolo d’Europa
Non potete perdere di bervi una birra Ale presso il Circus Pub, il pub più piccolo d’Europa in Portland Street. Testualmente: the smallest bar of Europe, the warmest welcome in the world. Il pub è gestito da oltre 200 anni dalla stessa famiglia. Un pezzo di storia di Manchester. Nella stanza minuscola con un piccolo camino e 5 o 6 tavoli potrete ammirare le fotografie che ricoprono i muri del pub e quelle autografate da George Best, mitico attaccante del Manchester United. E magari scambiare due parole con i clienti abituali del pub, premesso che riusciate a comprendere il loro accento inglese.

 

Ruota panoramica ad Arndale

Ruota panoramica ad Arndale

Centro commerciale Arndale

Vi sembrerà strano che vi parli di un centro commerciale, ma questo merita. Gigantesco. Nel centro di Manchester. Negozi con i più importanti marchi d’abbigliamento a prezzi decisamente più economici rispetto all’Italia. C’è una Food Lane, ossia un susseguirsi di ristoranti (fast food) e café con connessione internet gratuita. Potete raggiungere l’Arndale da Piccadilly percorrendo Market Street, strada a traffico limitato, anch’essa piena di opportunità di shopping. Dall’Arndale potete scegliere se proseguire la passeggiate per St.Ann’s Square che vi condurra fino a St.Anne’s RC Church oppure uscire dal lato di Corporation Street. Non potete mancarla: c’è una ruota panoramica sul piazzale di fronte. Fatevi un giro! Molto interessante vedere l’evoluzione e modernizzazione in corso di questa città.
La Cattedrale anglicana, centro di culto della città di Manchester, può sembrarvi più giovane: i suoi più di 1.000 anni non li mostra, grazie ai lavori di ristrutturazione fatti nel secolo scorso. Potreste anche pensare, che il borgo pieno di pub e locali con tavoli all’aperto affacciati per la loro parte più chiassosa verso Arndale, mentre quella più riservata verso la Cattedrale, sorge per il puro piacere dei turisti. Ma non è cosi. Quest’è il posto più suggestivo per proiettarsi nell’Inghilterra medievale, ai tempi di Re Guglielmo, il Conquistatore (1075) che regalò tutte le terre tra il fiume Rible e il fiume Mersey a Roger de Poiteau, figlio del Conte di Shrewsbury. Entrate nella Cattedrale, leggetevi i nome sugli stemmi, e le onorificenze di sua Maestà il Re (o Regina) d’Inghilterra. Come scrive Shakespeare:  “Un cavallo, un cavallo, il mio regno per un cavallo.”
Avevo letto molto di questa chiesa prima di partire per Manchester. Luogo di culto per persone residenti a Manchester di fede cattolica provenienti da ogni angolo della terra. Veramente impressionante, come in questo caso la fede cattolica sia un punto comune per persone con lingue e provenienze così diverse. Ho partecipato alla prima messa domenicale che si volge il sabato alle ore 17:15 e ho conosciuto persone di famiglie originarie dall’Irlanda, quando gli immigranti venivano a Manchester per lavorare nella lavorazione del cotone. Mi raccomando, se siete in bicicletta, lasciatela fuori.
Stevenson Square
Se vi piace frequentare gallerie d’arte, café non convenzionali e locali e pub alternativi e vi considerate un creativo, vi consiglio la zona di Stevenson Square, a pochi passi da Piccadilly. Non ho avuto modo di visitare molte gallerie d’arte, anzi nessuna. Il travelbloggerunite, l’evento per il quale ero venuto a Manchester, si è svolto presso The Studio, spazio per convegni, diciamo giovane. Per mangiare però consiglio vivamente il Soup Kitchen. Pranzo a base di panino ad esempio con Roasted Beef e una zuppa con crema di verdura, ottimo café espresso e connessioni wifi gratuita!
La storia di Manchester è fortemente legata a quella dei lavoratori; a partire dalla rivoluzione industriale ai tempi della grande depressione di tutto il settore industriale e minerario britannico. Manchester ha dedicato un museo ai suoi cittadini, in particolari ai ceti più poveri e maggiormente colpiti dai problemi economici di questa regione. Una visita al People’s History Musuem è assolutamente imperdibile.

A chi piace camminare lungo dei sentieri tematici tracciati e documentati utilizzando il proprio Iphone, segnalo queste due app: MNC City Walks e Creativetourist. Mentre per informazioni su dove mangiare, musei, eventi, e altri consigli utili su Manchester, vi segnalo: http://www.tasteofmanchester.com/, http://www.creativetourist.com/ e http://www.visitmanchester.com/
Buon viaggio e meglio saperlo prima ;-)
Michele di Zoover.it

Ti potrebbe interessare anche

Oxford: cosa vedere

Pubblicato da Matteo Di Felice il 15 aprile 2011