Come organizzare un trasloco


come organizzare un trasloco

Come organizzare un trasloco: tutti i consigli per traslocare velocemente e senza sbavature. Strategie su come si fa un trasloco efficace e veloce.

Per preparare un trasloco bisogna assumere la giusta forma mentis: non sarà una passeggiata ma potrà essere l’occasione perfetta per mettere ordine nella propria vita e lasciarsi alle spalle tutti i fronzoli inutili.

Qualcuno dice che le tre cose più stressanti da dover affrontare nella vita sono, in ordine, la morte, il divorzio e il trasloco. Non fatevi intimidire da queste parole, come premesso, il trasloco, se affrontato a testa alta, può essere una buona occasione di crescita personale.

La semplicità e i costi di un trasloco dipendono da vari fattori, se cambiate completamente regione di residenza, se avete a disposizione un’auto capiente, se dovete traslocare anche i mobili, se avete animali domestici…

Ditta traslochi vs trasloco fai da te

Il trasloco più difficile è quello in cui portate via anche la mobilia. In questo caso il costo sarebbe legato alla ditta traslochi che si occuperà di smontare mobili e cucine, di trasportarli nella nuova dimora e di rimontarli.

Come in qualsiasi contesto della vita, anche qui non si esclude un trasloco fai da te ma ci vuole un po’ di abilità manuale per smontare e rimontare il tutto, forza fisica (pensate a dover fare le scale con un frigo in mano!), collaborazione di un partner (per rimontare gli oggetti, meglio essere in due) e un mezzo di trasporto capiente.

Il trasloco fai da te, in caso di mobili da trasportare, è fattibile solo se la nuova casa si trova in un raggio di 100 km dalla vecchia abitazione. Questo vi consentirà di scaglionare il trasporto dei mobili e accessori (se trasportate la cucina a pezzi, dovrete noleggiare un furgone solo per un giorno, per traslocare il divano e i pezzi più ingombranti).

L’intervento della ditta traslochi è necessario solo quando non hai idea di come si smonta un mobile e se la nuova casa è molto distante dalla vecchia. E’ inutile dire che se non ci sono mobili ingombranti da trasportare, l’intervento di una ditta traslochi è piuttosto inutile!

La ditta di traslochi

Se ti affidi a una ditta di traslochi, fai un inventario dettagliato di ciò che trasporteranno e prima di firmare la consegna, fai un controllo accurato delle condizioni in cui hanno riportato la merce, controlla tutto… solo quando sarai ben sicura, firma. Le truffe o i lavori approssimativi non sono un caso raro. Fatti fare un preventivo alla luce del sole e sii chiara su ciò che vuoi, prima di accettare un prezzo, prova a chiedere un po’ di sconto direttamente al titolare, se la nuova città di residenza non è troppo lontana potresti strappare un’ottima tariffa.

Come organizzare un trasloco

Nell’ultimo anno ho organizzato due traslochi, lo dico subito: il primo è stato una frana ma con il secondo sono stata impeccabile e ho vissuto il trasloco senza neanche stressarmi troppo!

La nuova abitazione, nel mio caso, era solo a 140 km da casa. Avendo a disposizione solo un’auto sportiva, ho dovuto traslocare a puntate, portando nella nuova casa gli oggetti a scaglioni dando priorità agli scatoloni con una certa logica. Per il trasporto del divano e di pochi altri componenti ingombranti, ho noleggiato un furgone IVECO e in una sola giornata di noleggio ho fatto ben 3 trasporti! A fine giornata ero stanca morta ma sono riuscita a compiere tutto il trasloco con pochi spiccioli.

Ah… prima di traslocare il tutto, assicuratevi di aver pitturato e lavato il nuovo appartamento.

Come si fa un trasloca, consigli pratici

 Faccende amministrative 

Contestualmente al termine dei lavori di trasloco, dovrai organizzare una serie di faccende amministrative: farti agganciare “luce e gas”, fare il cambio di residenza, comunicare il nuovo indirizzo alle riviste alle quali sei abbonata così come alla banca, organizzare i documenti scolastici per iscrivere i tuoi figli nella nuova città, recarsi all’ASL per l’assegnazione del nuovo medico della mutua… Per maggiori dettagli ti segnalo il mio articolo guida: come fare il cambio di residenza.

Imballa la roba da traslocare

Se sai che stai per traslocare, non aspettare l’ultimo momento. Inizia a organizzare gli scatoloni con almeno 2-3 settimane d’anticipo. Durante la preparazione degli scatoloni, sii metodica: bicchieri e piatti vanno incartati in via preliminare in carta da imballaggi con le bolle (si chiama pluriball e si trova in qualsiasi merceria), pentole e padelle vanno insieme, così come gli abiti di un elemento della famiglia non vanno mescolati con gli abiti di un altro! Cerca di essere ordinata fin dalla preparazione delle cose e… fai tagli: butta tutto quello che non ti serve o che non si addice con l’arredamento della nuova casa.

Mobili da smontare

Prendi le misure della nuova casa: devi capire che non tutti i complementi d’arredo potranno essere montati nel nuovo appartamento.

Se devi traslocare anche mobili e cucina, sappi che il lavoro è molto duro, soprattutto se sei una persona sola. Smontare una cucina non è affatto semplice, soprattutto se è la prima volta che lo fai… In ogni caso, se decidi di farlo, smonta prima tutte le ante e trasportale insieme al TOP e a qualche cassone. Porta i componenti più piccoli con la tua auto e noleggia un furgone per il trasporto delle componenti ingombranti. Se non sei pratica e non ha mai neanche montato un componente d’arredo ikea… è meglio che scatti delle foto in dettaglio di come sono montati i componenti e magari ti segni dei numeri su ante e scaffali per capire che “stanno insieme”.

Sappi che una volta smontante le ante della cucina, quando dovrai rimontarle, dovrai anche fare la registrazione delle “cerniere”, puoi approfittare per passare da un mobilificio e comprare cerniere ammortizzate (quando chiudi l’anta questa non sbatte ma viene accompagnata in automatico e dolcemente… insomma, si chiude da sola con un minimo di pressione). Queste cerniere ammortizzate costa circa 3-4 euro… approfittando sempre del mobilificio puoi farti dare due pezzetti di legno che ti aiuteranno nella registrazione dell’anta.

Il trasloco vero e proprio

Trasporta prima i mobili, montali e poi inizia a trasportare gli scatoloni. Quando traslochi con gli scatoloni fanno con logica, porta prima le cose che puoi già mettere a posto. Organizza gli spazi della nuova casa, prenditi il tempo per svuotare gli scatoloni con ordine e non alla rinfusa! Ricordati che sulle autostrade e tangenziali non puoi circolare con il cofano aperto, quindi se devi trasportare qualcosa in modo selvaggio, assicurati di circolare in piena sicurezza e scegli strade secondarie.

Come traslocare velocemente

Chi vuole traslocare velocemente può sfruttare la ditta traslochi per il trasporto e il montaggio dei mobili. Può trasportare tutti gli scatoloni e poggiarli in una stanza così da poter usare la casa fin dal primo giorno del trasloco ma in questo caso lo stress sarà maggiore perché….Hai idea di cosa significa abitare in una casa con mille scatole accatastate in una stanza?! Beh, se per esigenze varie ti serve un trasloco veloce e devi lasciare la vecchi abitazione e subentrare immediatamente nella nuova, l’idea di traslocare tutto insieme può essere l’unica soluzione. Anche qui, però, ti consiglio di rispettare un certo criterio nella preparazione dei pacchi da trasportare così da agevolarti la fare di riordino del materiale.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra le cerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 21 agosto 2015