Dove mangiare a Trastevere spendere poco


Dove mangiare a Trastevere

Decidere dove mangiare a Trastevere e spendere poco da un certo punto di vista è una impresa perché girellando si incontrano molte le trattorie tradizionali e i ristoranti, spesso anche all’aperto, e c’è l’imbarazzo della scelta, oltre che la difficoltà di capire quali sono “troppo turistiche” e quali più nostrane ed autentiche.



Dove mangiare a Trastevere e spendere poco

Una trattoria per mangiare è una delle scelte migliori, di base, ma ormai tante si spacciano per tali per poi rivelarsi dei ristoranti standard. Non accade se si arriva in piazza dei Ponziani e si entra Da Teo, una vera trattoria, in pieno stile trasteverino, con tanto di posti all’esterno in cui si può tranquillamente cenare, temporali permettendo, dalla tarda primavera. Tra le specialità del posto, i tagliolini al sugo di agnello e le zuppe con prezzi convenienti e saporiti.

Non si mangia prettamente romano ma si mangia bene e spendendo poco al Dot Bistrot, un luogo davvero vintage e avvolgente dove assaporare piatti di pesce con un accenno alla tradizione siciliana tra cui la caponata di melanzane e mandorle tostate, le polpettine di tonno fresco alla Favignanese con pomodoretto e la provola affumicata.

Per un pranzo al volo, dove mangiare a Trastevere? Alla rosticceria Sisini, tra le migliori per i supplì, la pizza rossa e quella bianca.

Dove mangiare a Trastevere

Dove mangiare a Trastevere all’aperto

Dalla tarda primavera all’autunno avanzato, ci sono molti locali dove mangiare a Trastevere all’aperto godendosi i sapori e il panorama unici di Roma. Al Paris in Trastevere si cena in un palazzo del XVII secolo, vicino a piazza Santa Maria in Trastevere dove chi non mangia all’aperto può scegliere tra tre sale in stile classico. Per tutti, una fornitissima cantina e un menù con agnolotti di carne al burro, rigatoni all’amatriciana, Gallina Faraona ripiena in salsa di castagne e molto altro.

Dove mangiare a Trastevere bene

Al Sciapà si mangia bene e si sta bene, perché questo posto è accogliente e raffinato. Il menù è esplicitamente ispirato alla cucina romana di tradizione, con l’immancabile Carbonara, ma offre delle alternative anche più semplici, leggere e di pesce.

Per chi ama la pizza e ne vuole una davvero gustosa, c’è l’Obitorio, soprannome della pizzeria Ai Marmi, locale storico dove servono pizza bassa e scrocchiarella servendola su tavoli di marmo. C’è molta scelta nel menù, tra pizze ricche o meno ricche ma sempre ben studiate e ben cotte, a chi sceglie un piatto diverso, si consigliano i supplì al telefono, i fagioli al fiasco o all’uccelletto.

Dove mangiare a Trastevere

Dove mangiare a Trastevere romano

Da Lucia si mangia romano, dal 1938, nel vicolo del Mattonato dove c’è questa trattoria davvero speciale anche per l’ambiente che propone e non solo per il menù. Ci vengono a mangiare molti romani e si possono gustare bombolotti alla amatriciana, gnocchi e involtini alla romana con piselli, dolci di ogni tipo e altri piatti di tradizione cucinati in modo eccelso tanto che non è facile trovare posto, soprattutto nel weekend.

Altro posto dove mangiare a Trastevere romano è da Zi’mberto, locale in cui se il servizio “grezzo” non ci disturba, possiamo trovare bucatini all’amatriciana che difficilmente scorderemo per la loro bontà.

Dove mangiare a Trastevere la carbonara

Un po’ ovunque si mangia la carbonara a Roma, ma quella buona davvero, va cercata. Da Enzo la si trova, e si trova anche un’ottima trattoria tradizionale, non grande e quindi da prenotare o in cui attendere per avere un tavolo. Qui oltre all’agognata carbonara si possono mangiare altri piatti romani come la coda alla vaccinara, l’amatriciana, cacio e pepe e così via, fidandosi dello chef.

Dove mangiare a Trastevere

Altra ottima carbonara anche nell’Antica Trattoria Da Carlone in cui anche la pasta Gricia è uno spettacolo come i carciofi alla giuda e i dolci fatti in casa.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbe interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 2 gennaio 2018