Come pulire la tenda da campeggio


A fine vacanza arriva il momento di pulire la tenda da campeggio per conservarla durante i mesi lavorativi. In primo luogo vi sconsigliamo di conservare la tenda da campeggio in cantina o in altri luoghi particolarmente umidi e ancora di più, vi sconsigliamo di conservare la tenda da campeggio se non è del tutto asciutta e pulita. 

Come pulire la tenda da campeggio?
A chi non è mai capitato di aprire la vecchia tenda da campeggio e sentire un cattivo odore? Di solito questo odore è dato dall’umidità e può essere accompagnato da macchie grigio-verde o da aloni scuri.  L’igiene è importante sia in campeggio, sia al rientro a casa: è qui che bisogna fare i conti con le vere pulizie e questi sono i passi da seguire:

  1. Durante l’ultimo giorno di vacanza, prima di tirare via la tenda, dedicate qualche minuto alla rimozione di polveri, detriti, insetti, residui di cibo e altro sporco. Per farlo impiegate una spazzola; 
  2. Con la stessa spazzola pulite gli esterni della tenda: foglie, rugiada, resina, residui di ogni genere… siate delicati per non rovinare la vostra tenda. Controllate tutte le tasche e iniziate a smontarla. Man mano che ripiegate la tenda, continuate a spazzolarla. Mentre la ripiegate dovete assicurarvi che sabbia, ghiaia o sassi non vengono ripiegati all’interno.
  3. Pulite anche i pali, l’eventuale telaio e gli altri supporti. Impacchettate tutto e rientrate… fine delle vacanze!
Una volta a casa dovete assicurarvi che la vostra tenda sia davvero pulita. Questo controllo non è necessario al termine di ogni campeggio ma lo è se la vostra esperienza è stata particolarmente sporca, in caso di resine o se avete campeggiato sotto la pioggia. Quindi, per pulire la tenda dovrete:

  1. montate la tenda nel vostro cortile e, se necessario, rispazzare all’interno. 
  2. Pulite eventuali macchie impiegando un panno morbido e del sapone. 
  3. Pulite i picchetti e i pali. 
  4. Sollevate gli angoli posteriori della tenda per drenare quanta più acqua possibile dall’interno. 
  5. Lasciate asciugare bene la tenda.
E’ vero, la tenda è resistente all’acqua ma ciò non significa che può essere conservata bagnata. L’umidità induce alla formazione di muffe. Quando la vostra tenda risulterà pulita e asciutta, dovrà essere piegata verso il basso proprio come l’avete trovata al momento dell’acquisto. I produttori consigliano di riporre la tenda addirittura nel suo sacco nativo per evitare che delle pieghe, a  lungo andare, possano indebolire il tessuto.

Pubblicato da Anna De Simone il 26 novembre 2013