Visitare il Cilento, tra borghi e acque cristalline


Il periodo migliore per visitare il Cilento va dalla primavera all’autunno. Il Cilento è la terra caratterizzata da forti contrasti e da una bellezza senza paragoni. Chi decide di visitare il Cilento rimarrà affascinato da scogliere vertiginose, piccoli borghi arroccati sulle colline, mare cristallino e paesaggi di incontaminata natura. 

Il Cilento dispone di un centinaio di chilometri di spiagge, scogliere, calette e grotte. La costa cilentana inizia con Paestum e finisce con Sapri. 

Cosa vedere nel Cilento
Iniziamo con Agropoli grazie alla quale si entra nel cuore del Cilento più marinaro. Agropoli è dominata dal Castello d’epoca bizantina, si presenta con un bellissimo borgo medievale mentre i giovani potranno trovare un po’ di vita mondana sul lungomare.

GUARDA LE FOTO DEL CILENTO

Gli amanti dell’epoca medievale potranno trovare l’eccellenza a Castellabate, borgo pieno di fascino che ha fatto da set cinematografico al film Benvenuti al Sud. Dall’alto si può godere di un panorama mozzafiato e dei caratteristici tetti con tegole rosse di Santa Maria di Castellabate, centro peschereccio e balneare situato tra l’insenatura di Punta Tresino e Punta Licosa. Chi è a caccia di natura incontaminata può recarsi proprio presso la pineta di Punta Licosa, tra le calette che svelano spiagge nascoste e piccoli paradisi. Queste acque sono state dichiarate Parco Marino Subacqueo.

Sulla costa si prosegue con i paesaggi di Montecorice fino a quelli di Acciaroli con un borgo antico e una meravigliosa spiaggia: secondo alcune fonti è qui che Ernest Hemingway ha trovato l’ispirazione per scrivere il romanzo Il Vecchio e il mare.

Chi è a caccia di storia, tesori archeologici e gioielli culturali, potrà sostare agli Scavi di Paestum e alle rovine della città greca di Velia.

GUARDA LE FOTO DEL CILENTO

Chi vuole dimenticare il cellulare e lo stress legato all’era del web 2.0, può immergersi nel verde che va da Pisciotta ad Ascea. Pisciotta è un borgo di origine medievale dato case incastonate nel verde e nella roccia.

Seguendo il litorale si giunge a Palinuro, centro balneare di fama internazionale ricco di strutture ricettive ad hoc. Palinuro offre molte grotte marine, tra queste la famosa Grotta Azzurra che, come quella di Capri, offre acque trasparenti e zaffiro, seguono Grotta d’Argento e Grotta del Sangue.

Altre Grotte si trovano anche a Marina di Camerota, si consigliano gite in barca alla Punta degli Infreschi. Il Cilento prosegue fino a Policastro e Sapri attraversano altri centri balneari come quello di Scario.

Visitare il Cilento, turismo enogastronomico
Il Cilento è famoso per la sua gustosa cucina tradizionale: sono molti i prodotti tipici, dai carciofi IGP alla mozzarella di Bufala, senza dimenticare il famoso pomodoro San Marzano dell’agro-nocerino-sarnese Dop. Non mancano festival e sagre, tra queste segnaliamo la Sagra del Carciofo di Capaccio-Paestum che si tiene ogni anno tra i mesi di aprile e maggio.

GUARDA LE FOTO DEL CILENTO

Ti potrebbe interessare l’articolo su Marina di Camerota

Pubblicato da Anna De Simone il 26 aprile 2014