Visitare Los Roques


Cerchi una spiaggia dalla sabbia fine e chiara con acqua splendente circondata da foresta e natura selvaggia?  Il luogo che stai sognando è L’arcipelago Los Roques in Venezuela. Los Roques è un arcipelago costituito da tante piccole isole di sabbia bianca e mangrovie con rigogliose barriere coralline, tutte praticamente incontaminate, in una laguna cristallina che pullula di vita marina.



Qui nessuna costruzione in cemento armato a deturpare la costa e niente locali notturni a rovinare la pace dell’arcipelago ma solo banchi di sabbia e di corallo disseminati in una laguna cristallina e incontaminata. Al fine di preservare la barriera corallina e le bellezze naturali dell’area, nel 1972 il governo venezuelano ha dichiarato l’arcipelago di Los Roques e le acque circostanti Parco Nazionale, limitando lo sviluppo commerciale. Dunque un vero paradiso naturale per gli amanti del mare, dello snorkelling e per i sub.

Per visitare il Parco è necessario pagare una tariffa di ingresso all’arcipelago, proprio vicino alla pista di atterraggio degli aerei. L’isola più grande dell’arcipelago è Gran Roque: qui è possibile praticare il campeggio libero. A differenza delle altre isole dell’arcipelago, che sono sabbiose e completamente piatte, Gran Roque presenta diverse alture rocciose sulla costa nord-occidentale e scogliere a picco sul mare.

Le spiagge da visitare a Los Roques
Le spiagge e le isole sono numerose: Cayo de Agua è la spiaggia più bella,  una delle dieci spiagge più belle al mondo a detta del National Geographic; Crasquì ha la distesa di sabbia più lunga; Boca de Sebastopol e Boca de Cote sono ideali per lo snorkeling. A Noronquises si possono avvistare le tartarughe. Qui si trova una stazione biologica dotata di vasche in cu si allevano le tartarughe. Per chi ama lo snorkeling il posto ideale è Francisquises con la famosa piscina situata in un arco perfetto di coralli.

Per ospitare i turisti?
Nell’Arcipelago non è permesso la costruzione di alberghi per cui gli abitanti di Gran Roque hanno trasformato le loro abitazioni di pescatori in piccole pensioni a conduzione familiare. Le “posadas” sono le uniche opportunità di sistemazione alberghiera a Los Roques. Sono tipiche case di pescatori, recentemente rimodernate e trasformate in mini Hotel: la gestione é direttamente seguita dai proprietari i quali provvedono anche alla ristorazione, con pasti spesso a base del pesce pescato nell’arcipelago.

Chi pernotta in posada può visitare le isole più vicine dell’arcipelago con escursioni giornaliere in barca. I tour Operator propongono diverse opzioni di soggiorno: pensione completa o mezza pensione, settimane tutto compreso con partenza dall’Italia o solo soggiorno.

Per gli amanti degli sport acquatici, vi sono diverse compagnie che organizzano immersioni subacquee guidate (Sesto Continente di Caracas, Ecobuzos e Aquatics Dive Center) e corsi di diving. È anche possibile affittare le attrezzature necessarie per conoscere le meraviglie sottomarine. Altre attività sono: la pesca sportiva, la vela, il windsurf (organizzato da Vela Windsurf Center che ha sede sull’isola di Francisquì de Abajo) e il kitesurf.

Visite guidate a Los Roques
C’è la possibilità di visitare tutto l’arcipelago dall’alto con l’aereo ultraleggero disponibile all’aeroporto. Ci sono piccole compagnie aeree che raggiungono Los Roques con escursioni guidate di uno o due giorni nell’arcipelago. Tra queste la più importante è la Linea Turistica Aereotuy – LTA – che ha un ufficio nel centro di Caracas.

Come raggiungere Los Roques

Non esistono voli diretti per Los Roques, bisogna prendere un volo interno da Caracas o Margarita. Caracas è facilmente raggiungibile con tutte compagnie Europee, è possibile anche usufruire di un volo diretto da Roma con Alitalia.

Non è possibile raggiungere Los Roques lo stesso giorno in cui si parte dall’Italia, anche se abbiamo un fuso orario “favorevole” (andiamo indietro di 5 ore e mezza in estate e di 6 ore e mezza in inverno); i voli interni per Los Roques non partono dopo le 16.30 pertanto è consigliabile organizzarsi  per trascorrere la prima notte in un albergo a Caracas, nei pressi dell’aereoporto. In questo modo si potrà ritornare in aereoporto comodamente il mattino seguente per prendere il primo volo utile per Los Roques.

Pubblicato da Anna De Simone il 30 agosto 2012