Come arrivare al Castello di Neuschwanstein


Neuschwanstein castello

Il castello di Neuschwanstein, anche detto Castello delle fiabe o favole, si trova nelle vicinanze del paese di Schwangau e della città di Füssen, in Algovia (Germania). In questa pagina vedremo come arrivare al castello di Neuschwanstein da vari punti d’interesse.

Come arrivare al Castello di Neuschwanstein in auto

Chi, in vacanza in Germania, ha noleggiato una vettura, può raggiungere il castello delle favole facilmente preventivando una spesa di 5 euro per il parcheggio. Una volta in autostrada seguite la direzione Kempten – Fussen e ancora la segnaletica verso Hohenschwangau.

Arrivare in auto al Castello delle fiabe è facile:
Percorrete l’autostrada A7 (Ulm – Kempten – Füssen). Da Füssen prendete la strada statale B17 in direzione di Schwangau; dopo aver attraversato il paese prendete a destra in direzione di Hohenschwangau

GUARDA LE FOTO DEL CASTELLO DI NEUSCHWANSTEIN

In alternativa:
percorrete l’autostrada A7 (uscita Kempten) proseguite sulla strada statale B12 fino a Marktoberdorf. Sulla B16 fino a Roßhaupten – OAL I fino a Buching – poi la B17 fino a Schwangau e Hohenschwangau.

Come arrivare al Castello di Neuschwanstein in treno

Con le ferrovie tedesche (bahn) è possibile scegliere la linea RVA/OVG 73 in direzione Steingaden/Garmisch-Partenkirchen o con la RVA/OVG 78, direzione Schwangau, la fermata da prendere è la Hohenschwangau/Alpseestraße.

Come arrivare al Castello di Neuschwanstein da Monaco

Chi deve raggiungere il Castello di Neuschwanstein da Monaco, può usare il treno regionale che impiega circa due ore per arrivare a Füssen. Per risparmiare sul biglietto acquistate la tratta Andata e Ritorno Bayern Ticket, ancora meglio se siete un gruppi, questa formula vi permetterà di fare andata/ritorno fino a 5 persone per soli 29 euro complessivi.

Per arrivare al Castello delle Fiabe, una volta giunti a Füssen dovete prendere (dalla stazione) un bus che vi porterà ai piedi della salita che conduce al Castello: anche il biglietto del bus è compreso nel Bayern Ticket.

GUARDA LE FOTO DEL CASTELLO DI NEUSCHWANSTEIN

Vale la pena visitare il Castello di Neuschwanstein?
Sì, ma per visitare gli interni dovrete scendere ad alcuni compromessi.

Se ci limitiamo a visitare gli esterni a costo zero e fila zero, tale visita può essere associata a un giro panoramico di Füssen o direttamente nei dintorni del Castello; ciò che troverete sono panorami mozzafiato, paesaggi davvero fiabeschi, natura quasi incontaminata.

castello di neuschwanstein

Tutta la zona intorno al castello si presta bene per chi ama camminare: uno scorcio davvero interessante è quello visto dal ponte Marienbrücke dal quale si possono ammirare le Alpi Bavaresi e il Castello Neuschwanstein dall’alto. Il Marienbrucke è mostrato nella foto in alto.

Se vogliamo visitare gli interni del castello, dobbiamo scendere ad alcuni compromessi: il costo del biglietto, l’assenza di una guida italiana, lunghe file e attese e una visita dalla durata esigua. La visita degli interni del castello del cigno di pietra ha una durata di soli 30 minuti.

Gli interni del castello del cigno di pietra sono maestosi e imponenti, degni di una residenza reale. Guardate la nostra galleria fotografica per vedere le immagini del Castello di Neuschwanstein, il nome del castello, tradotto letteralmente, significa Nuovo cigno di pietra o nuova roccaforte del cigno ed è legato alla storia del Cavaliere del Cigno.

GUARDA LE IMMAGINI DEL CASTELLO DI NEUSCHWANSTEIN

Il problema delle lunghe file può essere risolto, almeno in parte, acquistando il biglietto d’ingresso online e scegliendo giorni feriali in periodi di bassa stagione. Chi viaggia con bambini o minori di 18 anni spende meno: gli adulti pagano 12 euro mentre bambini e minori accompagnati dai genitori entrano gratis. La guida è compresa nel prezzo del ticket ma è in inglese o tedesco.

NB.: la biglietteria dista 1,5 km dall’ingresso del castello.

Tutte le informazioni sul Castello delle favole in Germania

Altri bellissimi Castelli da visitare in Italie e in Europa:

Pubblicato da Anna De Simone il 9 febbraio 2015