Malosco Val di Non


Malosco Val di Non

Malosco Val di Non, un luogo interessante che può piacere sia a chi è in cerca di paesaggi silenziosi e verdi, naturali, sia a chi preferisce trascorrere le proprie vacanze in posti in cui le bellezze hanno più un carattere storico-artistico. Siamo in Val di Non, area già nota, ma questo paesino non lo è ancora a tutti anche se compariva ai tempi anche su diverse monete romane ed è a volte citato come paese natio di Fortunato Depero, grande artista e futurista italiano, che è nato nei pressi.



Malosco Val di Non: previsioni

Il meteo della Val di Non va consultato di mese in mese, dando però per scontato che siamo in una zona di montagna per cui certo le temperature non sono mai di calura. Anche in estate, le sere sono fresche e in inverno può fare molto freddo. Il sole si fa vedere spesso e volentieri, per la fortuna dei turisti ma anche degli abitanti, e di giorno anche nelle stagioni fredde, scalda ed è piacevole.

Malosco Val di Non

Malosco Val di Non: hotel

Le due strutture a cui mirare per trascorrere un weekend o una settimana di vacanza a Malosco Val di Non sono Hotel Il Falchetto e Blumenhotel Belsoggiorno. Si tratta di struttura molto adatte anche famiglie con bambini che viaggiano e scelgono la montagna come meta.

Il Trentino è una delle regioni più gettonate per chi desidera immergersi nella natura trovando però tutti i confort necessari quando ci sono bambini al seguito, anche piccoli.

Il Blumenhotel Belsoggiorno è un vero e proprio regno del benessere che ingolosirà anche gli amanti dell’enogastronomia, qui si può passare una vacanza rigenerante e detox visto che ci si trova immersi nella natura del Trentino. Nell’hotel vengono organizzati anche stage d’arte e di pittura.

Malosco Val di Non

Malosco Val di Non: escursioni

Nei dintorni di Malosco Val di Non ci sono numerose mete da raggiungere, una scusa per dedicarsi ad escursioni nel verde. Tra i giri più consigliati ci sono il Chiaset-Dasine e il Sedruna-Val delle Seghe, ma per chi ama l’alpinismo meglio la “pareana” dedicata al grande rocciatore Marino Stenico.

Per chi preferisce passeggiare alla ricerca di tesori artistici ed architettonici, la meta è Casa Nesler, una delle tante in stile rustico-signorile, con un affresco e uno stemma dei Guarienti.

Una escursione nei dintorni di Malosco Val di Non è anche quella verso la chiesa parrocchiale di S. Tecla, costruita nel 1228 con annessi cimitero e cappella, oltre ad un monumento, tutti e tre decorati da Wenter-Marini. Con i bambini si può invece raggiungere il Castel Malosco, un luogo magico che fa subito pensare alle fiabe, è stato ricostruito nel XVI secolo dal conte Gerolamo Guarienti.

Malosco Val di Non

Malosco Val di Non Trentino

Siamo in Trentino, e Malosco, detto Malósć in nones, è un piccolo comune italiano in provincia di Trento che fin dal V secolo ha fatto parte della pieve di Sarnonico, insieme a Ronzone, Seio, Vasio e Cavareno. Oggi si parla di fusione, di Malosco, con i vicini Castelfondo e Fondo, nel 2020, a seguito di quanto sancito da un referendum popolare del 18 dicembre 2016, assieme andranno a comporre il nuovo comune di Alta Val di Non che sarà ad alta quota davvero, a 1.089 m di altitudine, e immerso nei boschi e nei prati.

Malosco Val di Non: Regole

Regole è il nome di una località di Malosco in cui c’è anche un ristorante rifugio, un luogo perfetto non solo per rifocillarsi dopo le escursioni ma anche per parcheggiare la propria vettura prima di incamminarsi. Una delle passeggiate è quella che ci conduce alla cima del Monte Penegal, dura circa un’ora e mezza, quasi totalmente sul sentiero SAT 508.

Dopo un tratto impegnativo iniziale si può procedere senza fiatone fino alla tirata finale, il dislivello è di circa 400 metri quindi fattibile per i bambini e per i pigri e si può sostare anche alla Malga di Malosco non scordandosi di ammirare le distese di fiori gialli a lato del sentiero.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Articoli correlati che possono interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 21 novembre 2017