Penisola di Valdes: quando andare


Penisola di Valdes

Penisola di Valdes, in Patagonia, in Argentina,un paradiso per chi ama la natura, sia quella dei paesaggi ad ampio respiro, sia quella popolata di animali di acqua e di terra, non facili da vedere dalle nostre parti. Se guardiamo a cartina della zona, troviamo la Penisola di Valdes nella provincia di Chubut che si tuffa nell’Oceano Atlantico e forma il Golfo Nuevo ed il Golfo San José.



Penisola di Valdes in Argentina

E’ una delle aree dell’Argentina che l’Unesco ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità, in quanto Paesaggio Naturale da proteggere, non ci abitano molte persone, come prevedibile anche per via del clima. E’ una terra di 4.000 km quadrati, circa, e l’unica città che così si possa definire, sempre contestualizzandola alla zona non certo abitata come l’Italia, è Porto Piramides. Da qui si può partire per escursioni e gite ed ammirare la fauna selvatica del mare

Penisola di Valdes: quando andare

Alcune isole nei pressi di questa penisola sono migliori da visitare in alcuni periodi particolari che è meglio conoscere in modo da potersi godere lo spettacolo al 100%.

A Punta Norte meglio ad esempio andare in primavera, quando arrivano gli elefanti marini, oppure in estate se vogliamo essere certi di vedere dei leoni marini, se capitiamo in zona invece tra ottobre e aprile, possiamo avere la fortuna di scorgere le orche che si avvicinano alle coste nella ricerca del cibo.

In Primavera e in inverno a Punta Piramide i visitatori possono sperare di vedere qualche balena mentre in estate e in autunno si trovano i leoni marini.

Penisola di Valdes

Penisola di Valdes: Tour

Per evitare di perdersi qualche scorcio magico oppure di non organizzarsi al meglio con il meteo e i tragitti interni, meglio affidarsi ad un tour, anche ad uno di quelli che vengono organizzati da agenzie locali, quelle che meglio conoscono le caratteristiche della zona e anche i capricci del tempo.

Se si vuole vedere la Penisola di Valdes non come “una toccata e fuga” ma assorbendo l’atmosfera naturale che qui regna, bisogna tenere conto di due giorni di soggiorno, come minimo, e senza alcun timore di annoiarsi anche grazie a tour che propongono immersioni, kayak, trekking o mountain bike.

Penisola di Valdes

Penisola di Valdes: cosa vedere

La Penisola di Valdes è nota soprattutto perché abitata dalla Balena Franca Australe ma non bisogna dimenticare la presenza di altri suoi colleghi altrettanto simpatici e affascinanti come delfini, leoni marini, pinguini di Magellano e uccelli di molte diverse varietà tra cui guanachi, nandù e altre specie di uccelli marini.

Chi ama il bird watching potrà andare alla ricerca di cormorani vicino alle coste rocciose ma scorgerà anche leoni marini ed elefanti marini.

Sull’Isla de los Pájaros, isola degli uccelli, non si contano le specie da fotografare, come fenicotteri, aironi bianchi, gabbiani, cormorani e aematopus, mentre a Caleta Valdes di solito si va per gli elefanti marini. Lo stesso vale per Punta Cantor e per Punta Delgada che, essendo circondata da scogli profondi, è abitata anche dai cormorani.

A Punta Loma, a 17 km da Porto Madryn, c’è poi un’area protetta con una colonia permanente di leoni marini da raggiungere anche in bicicletta direttamente dalla città.

Penisola di Valdes

Penisola di Valdes: voli

Per avvicinarsi alla Penisola di Valdes in aereo, possiamo prendere in volo di linea per la capitale, Buenos Aires, e poi con mezzi molto meno diretti e comodi, arrivare al nostro paradiso. Paradiso anche perché non così agilmente raggiungibile!

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 15 dicembre 2017