Vaccinazioni Brasile


Vaccinazioni Brasile

Vaccinazioni Brasile, verso una vacanza colorata e divertente che ci saprà stupire non solo per la vivacità ma anche per la bellezza della natura di un’area da esplorare. Ospitati i Mondiali di Calcio, nel 2014, e anche le Olimpiadi, nel 2016, finalmente si può partire preoccupandosi solo delle Vaccinazioni Brasile e non di fuggire dalle folle di turisti tifosi e dal panico da over booking.



Vaccinazioni Brasile obbligatorie

Per raggiungere e visitare questo paese è necessario essere muniti di certificato di vaccinazione per la febbre gialla ma solo se si proviene da aree infette. E se si ha una età maggiore ai nove mesi. Ci sono però delle vaccinazioni Brasile consigliate e quella per la febbre gialla è la prima della lista, anche per noi che, a meno di tappe intermedie, non arriveremmo da una zona a rischio.

Questo vaccino viene di solito raccomandato a chi deve raggiungere per lavoro o per svago, zone rurali situate negli stati di Acre, Goias, Mato Grosso, Mato Grosso do Sul, Rondonia e i territori di Amapa e Roraima. Altre vaccinazioni Brasile che il medico può consigliare sono quelle contro difterite e tetano, morbillo, febbre tifoide, epatite A e epatite B.

Vaccinazioni Brasile

Vaccinazioni Brasile e rischio malattie

Al di là delle vaccinazioni Brasile, ci sono delle malattie che potremmo contrarre se non prendiamo opportune precauzioni soprattutto dal punto di vista igienico. Un esempio è quello della tripanosomiasi americana che può arrivarci da un insetto detto barbeiros che vive nelle aree rurali di alcuni stati. Altre patologie presenti sono la leishmaniosi, nel nord-est, l’oncocercosi, nelle zone rurali e nel nord, la dengue se punti dalla zanzara “Aedes aegypti”.

Poi c’è la malaria, presente soprattutto nella forma benigna, nel bacino amazzonico e del Mato Grosso dove la profilassi è raccomandata mentre possiamo stare sereni nella fascia che da nord a sud segue la costa atlantica.

Vaccinazioni Brasile

Vaccinazioni Brasile e documenti

Informandoci sulle vaccinazioni Brasile obbligatorie, è meglio capire anche quali sono i documenti da presentare per poter accedere al Paese. Il passaporto deve avere una validità residua di almeno sei mesi, per il resto non occorre alcun visto turistico se la nostra vacanza dura meno di tre mesi.

Anche se la permanenza è breve, è necessario fare attenzione a serpenti, sanguisughe e millepiedi, soprattutto in campagna e nelle foreste in cui camminare con stivali e calze alte. Anche gli insetti possono costituire un pericolo per cui non sottovalutiamo essere come mosche, ragni, formiche e altri che possono risultare velenosi per l’uomo.  Tra le raccomandazioni da fare a chi parte per il Brasile, ci sono anche quelle che riguardano il cibo: mai mangiarne di crudo e allo stesso modo mai bere acqua da bottiglie non sigillare, mai se hanno ghiaccio.

Vaccinazioni Brasile e trasporti

Se prendiamo un mezzo pubblico non sono necessarie vaccinazioni Brasile ma un po’ di furbizia sì, visto che potremmo restare vittima di furti. Lo stesso vale se ci avventuriamo nelle favelas di Rio, Saõ Paulo, Salvador, in generale è meglio non vestirsi in modo troppo da turista cercando di mimetizzarci con i locali.

Un modo alternativo che può risultare conveniente e simpatico, per spostarci, sono i “leitos”, bus che collegano le città, ma solo se siamo persone adattabili, e allora possiamo anche dormire nelle “pousadas”.

Vaccinazioni Brasile

Vaccinazioni Brasile per vedere

La meta più nota quando si parla di Brasile è Rio de Janeiro e l’immagine è quella del Pan di Zucchero, un colle a picco sul mare che offre un panorama meraviglioso dai suoi 400 metri di altezza, sulla città e la costa. Uscendo da questa città possiamo spaziare nel resto del paese visitando il villaggio di Trancoso, nello stato di Bahia, con la sua pace da idillio e le belle spiagge bianche semideserte. Il centro è pittoresco e caratteristico e lo è anche quello della città di Olinda, Patrimonio Mondiale dell’Umanità per la bellezza delle sue chiese in stile barocco.

Per chi ama la natura, una tappa imperdibile è il Parco Nazionale dei Lençóis Maranhenses dove si trovano fiumi, dune bianche, specchi d’acqua e mangrovie, è in parte deserto e in parte molto ricco di acqua. Immersa nelle foreste brasiliane, c’è Paraty, nel sud dello stato di Rio de Janeiro, rimasta al periodo coloniale, vicina a un insieme di isole che nascondono spiagge accessibili solo tramite imbarcazioni.

Lo spettacolo delle Cascate dell’Iguazú – 275 cascate anche di 70 metri – è da raggiungere al confine con l’Argentina ma ne vale la pena, altre mete naturalistiche sono Porto de Galinhas la miglior spiaggia brasiliana, l’Arcipelago Fernando de Noronha, abitato da molti animali tra cui tartarughe, delfini e albatros, e le spiagge di Maragogi, ottime per le immersioni tra i coralli. I surfisti e i turisti amanti del lusso è meglio che devino verso Búzios

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 28 marzo 2017