Rocca di Angera: come arrivare


 

Rocca di Angera

Rocca di Angera, un Centro d’interpretazione del Medioevo giorno dopo giorno sempre più attrattivo oltre che, da sempre, simbolo stesso della cittadina di Angera. Questa rocca calcarea la domina dall’alto, guarda all’entroterra, da un lato, e dall’altro verso le sponde del lago affacciandosi a strapiombo e regalando la possibilità di ammirare il castello. Sempre dalla Rocca di Angera si ammirano anche le sponde del Lago Maggiore e i colli.



Rocca di Angera: come arrivare

Per arrivare a questa Rocca, il modo più comodo è quello di imboccare l’autostrada A8 Milano- Laghi oppure la A26 Genova-Gravellona, uscire a Sesto C.-Vergiate e proseguire in direzione Angera-Laveno M. Con mezzi pubblici raggiungere la Rocca non è semplicissimo, si arriva in zona in treno ma poi proseguire può non essere comodo e veloce.

Rocca di Angera

Rocca di Angera: Museo della Bambola

Il Museo della Bambola e del Giocattolo è una delle maggiori attrazioni non di Angera ma della zona ed è anche sulla carta il più grande Museo del settore in tutta Europa. Sembra impossibile, sembra un sogno per chi lo visita, il poter ammirare in un solo luogo, tutto quello che vi è custodito vale a dire bambole e accessori, ma non solo, anche giochi e giochini che nel tempo si sono evoluti mano a mano e con essi è cambiato anche il nostro modo di giocare e di intendere i giochi. Non solo le bambole, ma a che.

Fondato nel 1988 dalla principessa Bona Borromeo Arese, questo museo unico nel suo genere e davvero interessante, è immerso in un Giardino Medievale che è il motivo per cui la Rocca di Angera sta diventando un Centro d’interpretazione del Medioevo. Qui troviamo piante ma non semplici piante, una vegetazione studiata e mostrata in modo che sveli significati simbolici e storici. E’ stata realizzata prendendo come riferimento studi su codici, documenti d’epoca e immagini su manoscritti miniati.

Rocca di Angera

 

Rocca di Angera: orari

Come per gli altri siti Borromeo, anche il Museo osserva orari che variano di stagione in stagione. Quella di apertura del va da marzo a ottobre, gli orari vanno solitamente dalle ore 9 alle ore 17.30 ma di anno in anno possono variare, conviene consultare il sito ufficiale per vedere gli aggiornamenti ed eventuali aperture straordinarie.

Rocca di Angera Lago Maggiore

Da questa Rocca si vede un panorama davvero magnifico perché è posizionata in modo da dominare la sponda meridionale del Lago Maggiore. Ai tempi questo la rendeva un luogo strategico per chi necessitava di controllare i traffici. La casata dei Visconti era la proprietaria, inizialmente, essendo oltretutto una casata originaria del Verbano, ma i Borromeo l’hanno acquistata nel 1449 e oggi è ancora nelle loro mani.

Rocca di Angera: ristorante

Se ci si sta avviando verso la Rocca lo da lì si sta tornando, vale la pena di fare una sosta all’Osteria del Castello, in via Rocca Castello, ad Angera. Sarà un’ottima sosta, opportunità per gustare piatti genuini in una atmosfera famigliare, certi di assaporare cibo di qualità a prezzi non spropositati. Anche la location non è affatto male e i dolci non lasciano certo l’amaro in bocca.

Rocca di Angera

Rocca di Angera: eventi

Nella Rocca di Angera ci sono delle meravigliose sale che potrebbero essere a disposizione per ospitare eventi privati. Si tratta di ambienti raffinati ed eleganti tra cui vi è anche la Sala delle Maioliche, non per eventi ma da visitare, per la sua collezione composta da trecento rarissimi pezzi.

La bellezza della location è anche molto nella presenza dei giardini medievali ospitano varie tipologie di giardini mostrandone caratteristiche e differenze. In questi giardini è in corso un progetto che man mano mira a ricostruire uno spazio verde alla maniera Medioevale in modo preciso e puntuale. Non come fosse una scenografia da film ma previa consultazione di codici e documenti che diano una validità storica alla realizzazione in corso.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbe interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 24 dicembre 2017