Città di Sondrio: come arrivare, cosa vedere e cosa mangiare


Città di Sondrio

Non è una maratona attraversare la Città di Sondrio ma una gradevole passeggiata tra le vie di questo paesone, di fatto capoluogo di provincia lombardo. Se si alza lo sguardo e si cattura qualche scorcio, si può anche godere del panorama che ha attorno, composto di molto verde, il verde dei vigneti, ma non solo. Siamo in Valtellina, la Valmalenco è vicina e se ne vedono le cime come si catturano con gli occhi molti boschi che abbracciano la Città di Sondrio quasi con affetto, pare.



Città di Sondrio: come arrivare

E’ possibile raggiungere la città sia in auto che con il treno piuttosto comodamente. Con le 4 ruote, o volendo in moto, c’è da imboccare da Milano la superstrada 36 fino a Colico per poi passare alla statale 38 attraversando Morbegno fino a Sondrio. Ci si impiegano circa due ore, sempre al netto di code ed imprevisti. Da Brescia, Trento, Mantova, Verona o da altre città di provenienza situate ad est della Città di Sondrio si attraversa il Passo dell’Aprìca impiegando circa 2 e mezza da Brescia a Sondrio.

In treno da Milano la Città di Sondrio si raggiunge senza effettuare scomodi cambi e i treni sono frequenti, da Milano Centrale. Al netto la distanza è di 120 chilometri che vengono coperti dal treno in 2 ore viaggio ma passano veloci se ci si mette sul lato sinistro del treno e si ammira il panorama.

Per chi viene da lontano e punta alla Città di Sondrio, tre sono gli aeroporti di riferimento: Milano Malpensa, a 158 km di distanza, Milano Linate, a 138 Km, l’aeroporto di Orio al Serio, il più vicino, a 124 km. Da tutti e tre si può usufruire di mezzi pubblici per l’ultimo miglio, fino a Sondrio.

Città di Sondrio: come arrivareCittà di Sondrio: come arrivare

Città di Sondrio: passeggiando

Non mancano palazzi e musei ma per cominciare a percepire l’essenza e il carattere della città e dei suoi abitanti, consiglio di fare una passeggiata in cerca di antiche botteghe, ancora esistenti in alcune vie del centro. Al fianco di questi affascinanti negozi troveremo anche quelli moderni come ce ne sono in Galleria Campello.

Uno dei percorsi classici per dare una occhiata alla Città di Sondrio senza impegno parte da p.zza Garibaldi e prosegue verso la Chiesa della Collegiata e la piazza Quadrivio per poi imboccare via Scarpatetti. Questa è una via molto caratteristica, con case di pietre decorate da vigne e un silenzio quasi magico.

Si prosegue la passeggiata verso il Castello Masegra ammirando sulla strada le molte architetture rurali con volte di pietra, corti acciottolate, ballatoi in legno, elementi di pura tradizione popolare contadina valtellinese. Il punto di arrivo è la Baiacca, con il Palazzo Carbonera, risalente al Cinquecento.

Città di Sondrio: cosa vedere

Per chi ama l’arte e i musei, le tappe a Sondrio non mancano, a partire dal Palazzo Pretorio con le sue belle sale, e dal Museo Valtellinese di Storia e Arte. C’è anche la collezione di minerali Fulvio Grazioli a Palazzo Martinengo e le mostre di Palazzo Sertoli. Anche girando liberamente per il centro della città di Sondrio si possono ammirare palazzi interessanti e di epoche e stili differenti, ripercorrendo con la mente la storia della stessa città. Nel castello Masegra si può vedere la camera picta con memorie di vita di corte e scene dall’Orlando Furioso.

Città di Sondrio: cosa mangiare

Per chi rientra in giornata e non ha tempo di fermarsi a cena, almeno un aperitivo! I più classici e popolati sono quelli in Piazza Garibaldi, il “salotto buono” della città, anche per godersi i palazzi che vi si affacciano, in stile rinascimentale e neoclassico. In alternativa ci si può anche fermare in piazza Piazza Cavour e in Piazzale Bertacchi.

Mi auguro vi possiate però fermare a cena per godervi il piatto della Città di Sondrio e della Valtellina, tipico e imperdibile: i pizzoccheri. Non c’è ristornate che non li proponga, meglio cercare i più tipici che li fanno “scarellati” a mano. Altro prodotto tipico della Città di Sondrio è la bresaola della Valtellina IGP e poi assaggerei anche gli sciatt con l’insalatina e i taroz, sempre con un buon bicchiere vino rosso di Valtellina.

Città di Sondrio: eventi

Restando sulla bresaola, a Sondrio si tiene il “Sondrio Bresaola Festival” per chi ne è davvero goloso, ci sono anche manifestazioni di altro gusto come “Formaggi in Piazza” e il “Valtellina Wine Trail”: una corsa tra le vigne tra terrazzamenti e cantine, lunga ben 42 km.

Città di Sondrio: dintorni

Visitare la città tralasciando i dintorni è un grave errore perché meritano molte ore di esplorazione in diverse direzioni. Vediamone alcune delle possibili. A piedi si può imboccare la Via dei Terrazzamenti con percorsi a mezza quota ma anche più impegnativi, all’interno del Parco delle Orobie Valtellinesi. La gita alla Madonna della Sassella ci porta in mezzo ai vigneti, mentre il Sentiero Valtellina procede lungo i fiumi Adda e Mera, anche in bicicletta.

Per chi è in cerca di un itinerario più storico, c’è il Sentiero Rusca, o “Via del Muretto”, da Piazza Campello, mentre chi mira al divertimento e all’avventura, attorno alla Città di Sondrio non mancano opportunità per fare rafting, kayak e hydrospeed, da principianti o da esperti.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Pubblicato da Marta Abbà il 12 agosto 2018