Moldavia, la capitale Chisianu


Moldavia, la capitale Chisianu

Moldavia, la capitale Chisianu e i suoi dintorni sono una meta interessante per un viaggio non banale alla scoperta dei luoghi che, dopo la devastazione dovuta alle Guerre Mondiali, hanno saputo rialzarsi e tornare a risplendere. La città ha un bel aspetto ed è vivace, i suoi paraggi sono verdeggianti e accoglienti.



Moldavia, la capitale Chisianu

Si può percepire nell’aria che si sta visitando un luogo nuovo, perché Chisianu è rinata, è stata ricostruita, dopo la Seconda Guerra Mondiale che l’aveva ridotta in macerie. Oggi non ci si crede quasi a vederla così ricca di splendide attrazioni, architettoniche e non solo. I moldavi la chiamano “La città della pietra bianca” per via dei tanti edifici di questo colore che si possono ammirare passeggiando nelle sue strade.

La cattedrale della Natività, in stile neoclassico, è situata in un bel parco e ha una cupola difficile da non notare come lo è anche l’arco trionfale situato nella piazza principale, a ricordare la vittoria nel XIX secolo della Russia sull’Impero Ottomano.

Moldavia, la capitale Chisianu

Moldavia, la capitale Chisianu: aeroporto

Per atterrare direttamente a Chisianu, scelta più comoda a meno che questa città non sia una tappa di una più lunga vacanza nei paraggi, bisogna mirare all’Aeroporto Internazionale di Chișinău che è poi il principale della Moldavia. Risale al 1970, i voli diretti dall’Italia ad oggi non sono molti.

Moldavia, la capitale Chisianu: foto

Ciò che nelle foto non vedremo mai, è la Chisianu del 1436, la prima Chisinau, andata completamente distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale. E’ triste, ma è anche emozionante vedere come e quanto rapidamente si è risollevata.

Moldavia, la capitale Chisianu

Moldavia, la capitale Chisianu

Moldavia, la capitale Chisianu: cosa vedere

Partendo dalla città vecchia, a Chisianu si può andare in cerca di edifici risalenti al XIX secolo senza troppa difficoltà visto che ce ne sono a centinaia. Meglio mirare agli imperdibili tra cui la Cattedrale Sobor e l’Arco di Trionfo con l’Orologio.

Proseguiamo per Boulevard Stefan cel Mare, via principale su cui si affacciano molti edifici amministrativi ma anche il Teatro Nazionale M. Eminescu e il Teatro dell’Opera e del Balletto. Appena fuori dal centro, Chisianu si rivela subito verdeggiante, grazie ai suoi numerosi parchi tra cui il Parco della Cattedrale, con mercato dei fiori, e il Giardino Pubblico Stefan cel Mare con un grande Cinema Patria tuttora in funzione ma che è stato costruito dai prigionieri tedeschi nel 1947.

Chi ama visitare anche i musei può dedicarsi a quello Storico Nazionale e a quello di Archeologia ed Etnologia, oppure Museo Pushkin, una tappa preziosa per chi ama la poesia. In questo edificio il poeta ha trascorso tre anni di esilio, dal 1820 al 1823.

Moldavia, la capitale Chisianu: hotel

Il President Hotel Resort, in Dacia Blvd, è elegante, immerso nel verde e a 3 km dal giardino botanico di Chișinău. Offre molti lussi, ristorante con terrazza coperta, piscina scoperta e spa con 2 saune e un hammam.

Un soggiorno qui ha il suo prezzo, chi cerca un alloggio più economico ma molto dignitoso può fermarsi al Vila Tulip Hotel, lungo la Strada Arheolog Ion Casian-Suruceanu, per poi godersi la movimentata vita notturna. Chisianu è infatti un luogo che vive a tutte le ore, tra locali, pizzerie e ristoranti, soprattutto in estate ma non solo. I buongustai devono assaggiare la moussaka, con patate al posto delle melanzane, e una calda zuppa detta chorba.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbe interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 23 marzo 2018