Visitare Cracovia



Cracovia, centro bellissimo sulle sponde del fiume Vistola in Polonia, è una città incantevole piena di storia, arte e architettura. Ogni anno sono migliaia i visitatori che si recano in questa città della Polonia, per ammirarne il centro storico. Ma oltre al centro storico, da non perdere è il quartiere ebraico di Kazimierz con le sue molte sinagoghe, e il cimitero ebraico. Ma vediamo cos’altro ci offre Cracovia.

Visitare Cracovia, le attrazioni

  • Stare Miasto è il centro storico della città, che si sviluppa lungo la riva nord del fiume Vistola. In questo quartiere è possibile ammirare tutto lo stile medievale di Cracovia, proprio a partire dalla piazza principale
  • Piazza del Mercato e Sukiennice, qui si affacciano alcuni dei principali monumenti ed edifici della città, come la chiesa di Santa Maria e il famoso Municipio a torre, con i suoi 70 metri di altezzaDa ammirare anche le belle case che circondano la piazza.
  • Barbacane (o Barbican) è l’unico baluardo rimasto in piedi dalle antiche mura cittadine: si tratta di una struttura difensiva situata nelle vicinanze di Porta Florianska.
  • Chiesa di San Adalberto è una delle chiese più antiche di tutta l’Europa centrale, realizzata alla fine del primo millennio.
  • Castello di Wavel (Zamek wawelski), un tempo residenza reale dei sovrani di Polonia e luogo dove avveniva l’incoronazione stessa dei re.
  • Quartiere di Kazimierz è il luogo dove risiedeva la comunità ebraica fino al secondo conflitto mondiale. Lungo via Meisels troverete una serie di bellissime sinagoghe, come quella Tempel, quella Kup e la Sinagoga Alta.
  • Università Jagellonica è la seconda università più antica della Polonia, dietro a quella di Praga. In questo ateneo hanno studiato celebri personaggi, come Nicolò Copernico, Giovanni III di Polonia, Papa Giovanni Paolo II e Wislawa Szymborska.
  • Museo Nazionale di Cracovia (Muzeum Narodowe w Krakowie), comprende al suo interno 8 musei diversi, ognuno con una propria caratteristica.

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Anna De Simone il 18 novembre 2013