Pasqua al mare


Pasqua al mare

Pasqua al mare, per giocare d’anticipo sia con il relax sia con l’abbronzatura da sfoggiare a chi sogna le spiagge dell’estate. Approfittiamo quindi di questa pausa, per raggiungere mete calde dove dedicarsi al sole, alle onde, a buone letture e a tutto ciò che può farci tornare alla routine quotidiana con una marcia in più.



Pasqua al mare in Italia

Fortunati come siamo, almeno in quanto mare, noi che viviamo in Italia, possiamo trascorrere la Pasqua al mare anche senza varcare alcun confine, reale o immaginario. Basta ad esempio sbarcare sull’isola di Ischia, perfetta per chi desidera rilassarsi anche con bagni termali, oltre che con quelli classici. In questo piccolo regno il sole batte caldo già ad aprile e ci si può godere l’acqua, i sapori, il silenzio.

Mare pulito e accoglienza calda ci aspettano sulla Costa Viola per una Pasqua al mare calabrese. Nei giorni da trascorrere in questa località, troviamo il momento per ammirare i tramonti speciali proprio perché danno il nome alla costa, violacei tanto da sembrare surreali. Anche in Sicilia la nostra voglia di Pasqua al mare potrà essere soddisfatta: a Messina si fa già spesso il bagno in questo periodo e l’entroterra merita tante gite.

Stando a bagno nel Mediterraneo, ma uscendo dall’Italia, possiamo trovare altrettanti bellezza e comfort a Creta, a Malta e alle Isole Baleari.

Pasqua al mare

Pasqua al mare in Asia

In Asia è necessario scegliere con cura la meta per trascorrere una Pasqua al mare che non venga rovinata dal clima. C’è infatti il rischio di monsoni, e anche di caldo “soffocante”.

La Thailandia può essere una buona meta nel periodo tra primavera ed estate. Lo stesso vale anche per Paesi come la Giordania e Israele malgrado ci sia chi teme che la situazione politica mondiale possa mettere in pericolo la vacanza tanto sognata.

Pasqua al mare

Pasqua al mare in America

Chi sogna una Pasqua al mare sguazzando nel blu, deve puntare sul centro e sul sud America. La prima meta consigliata è Cuba, proprio in questi anni in cui possiamo ancora raggiungerla e catturare gli ultimi fermenti della vera Cuba rivoluzionaria. In questa isola possiamo anche organizzarci un viaggio fai da te, in cerca di sapori e suoni autentici. Il clima dei mesi di marzo e aprile è uno dei migliori per le temperature e per le piogge che non sono insistenti come a maggio.

Altre spiagge da raggiungere per una Pasqua al mare americana sono quelle sulle coste di Belize, Bermuda, Nicaragua, quelle messicane tra cui Acapulco, Cancun, Riviera Maya, e anche quelle della Florida, in USA.

Pasqua al mare in Africa

I mesi che precedono la piena estate, quelli in cui cade la Pasqua, sono i migliori per godere delle coste mediterranee africane senza troppo penare per il caldo ma potendo contare su un clima adatto a fare il bagno senza rabbrividire. Marocco e Tunisia, sono due Paesi che invitano alla Pasqua al mare con gite culturali e nella natura.

Anche a Capo Verde troviamo splendide spiagge e temperature accettabili, mentre in Namibia inizia la stagione turistica, in alternativa possiamo puntare verso Senegal e Sudadrica.

Pasqua al mare

Pasqua al mare su un isola

Se siamo dei viaggiatori che faticano a lasciare a casa le preoccupazioni lavorative o familiari per “staccare la spina” e ricaricarci, l’idea di una Pasqua al mare su un’isola può aiutarci a non restare ancorati al tran tran quotidiano. Alle Maldive ci aspetta una natura meravigliosa, e c’è anche un centro per la ricerca e la protezione dell’ecosistema della barriera corallina da non perdere.

Sulla costa nord ovest di Mauritius, vicino all’area protetta di Turtle Bay, si trovano spiagge silenziose da cui immergendosi nell’Oceano Indiano oppure svagarsi con sport acquatici: snorkeling, diving e tour in barca. Altre isole per una Pasqua al mare e in pace sono le Antille Sottovento (Aruba, Bonaire, Curaçao), le Bahamas, Trinidad e Tobago e le isole del Venezuela.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 9 febbraio 2017