Pasqua a Lisbona: eventi e consigli


Pasqua a Lisbona

Pasqua a Lisbona, è il momento giusto per vivere e godere appieno la cultura, la vita e il clima della capitale portoghese. Non troppo freddo ma neanche troppo caldo per esplorarla a piedi, perdersi nelle sue vie…forse troppa gente. Ecco perché è meglio prenotare per tempo e informarsi in modo da raggiungere angoli che il turismo di massa ancora non conosce. “La smetta di frequentare il passato, cerchi di frequentare il futuro”, si legge sfogliando il romanzo di Antonio Tabucchi ambientato in questa città, Sostiene Pereira, ed è proprio così che si potrebbe dire a chi gira per una città che ha sia storia sia futuro in ogni sua via. Lo si ha chiaro guardandola dall’alto, dalle terrazze o dai tanti ascensori usati come mezzo di trasporto per non arrancare su salite molto provanti.



 

 

 

Pasqua a Lisbona: come arrivare

Dall’Italia per trascorrere Pasqua a Lisbona si deve prendere l’aereo: la maggioranza dei voli di linea è della TAP Portugal, compagnia di bandiera portoghese, ma se partiamo dal nord Italia possiamo anche cercare voli low cost con EasyJet o Ryanair che ci porta a Porto, a 300 Km di distanza. Occasione per trascorrere Pasqua a Lisbona e qualche giorno in giro per il resto del Paese.

Dall’aeroporto si può raggiungere la città agilmente con una linea della metropolitana, in un quarto d’ora, ma se vogliamo goderci il panorama prendiamo un autobus: 705, 783, 744 e 722 vanno tutti verso il centro.

Pasqua a Lisbona: consigli

Non saprei se, trascorrendo solo la Pasqua a Lisbona, non mi fionderei subito in centro visto la varietà di luoghi e di angoli da scovare e vivere. E’ una città girare a piedi, da annusare, da gustare con i suoi dolci e i suoi piatti. Va vista dai marciapiedi e dalle terrazze. E’ abbracciata da 7 colli su cui arrampicarsi a bordo dei famosi tram “electricos” in funzione dagli inizi del secolo, tra cui cercare il numero 28 visto il tragitto che percorre. Esattamente il più interessante dal punto di vista turistico.

Pasqua a Lisbona

A Pasqua a Lisbona, sarà certo affollato ma sgomitate e salite, ne vale la pena, per attraversare l’Alfama, la zona del castello e il Barrio Alto. Oltre a camminare, non scordate di usare almeno una volta gli ascensori, i più famosi sono Ascensor Da Bica che collega Sao Paolo con Barrio Alto, Ascensor da Gloria che da Restauratore porta sempre a Barrio Alto e l’Elevator de Santa Justa che collega la Baixa con il Chiado.

La Baixa è il centro storico, unica parte pianeggiante, tutta negozi ed uffici ma particolare per la sua topografia: ha una pianta a scacchiera disegnata dopo l’incendio che l’ha devastata a metà ‘700. A sinistra della Baixa ci sono quartieri vivaci come il Barrio Alto, noto per la vita notturna, e anche il Chiado, il Carmo e il Mangragoa mentre a destra della Baixa, si ha un quartiere moresco.

Si chiama Alfama ed è un museo a cielo aperto di semplice e autentica vita quotidiana. Per vedere il simbolo della città, la Torre di Belem, dobbiamo spostarci a Nord, affacciandoci sul fiume Tago: è patrimonio dell’Unesco come anche il Monastero Dos Jeronimos, da visitare.

Pasqua a Lisbona

Pasqua a Lisbona: dove mangiare

Di ristoranti ce ne sono di numerosi in questa città sempre più turistica ma se si vuole trascorrere una Pasqua a Lisbona originale si deve andare in cerca di posti diversi. Ad esempio nel museo Phármacia, c’è il ristorante all’interno, omonimo, con vista sull’incantevole Miradouro de Santa Catarina.

A Brasileira, troviamo il bar più storico di Lisbona ma se non ci fermiamo di fronte all’apparenza da bettola, dobbiamo entrare da Cabaças, in pieno centro, girato l’angolo di Largo Chiado e di Praça Luís de Camões. Qui si gustano in pace le specialità della casa, la picanha na pedra e il naco na pedra accompagnate dal sorriso dei proprietari.

Pasqua a Lisbona

Pasqua a Lisbona: eventi

Per approfittare di una offerta e andare va Pasqua a Lisbona, è necessario muoversi per tempo visto che si tratta di una delle mete preferite, soprattutto dagli italiani e soprattutto in questo periodo. Una volta arrivati in città si può anche cogliere l’occasione per godere del’aria di festa che Lisbona offre come le sue tante feste e fiere.

Nella Settimana Santa, il Venerdì Santo non mancano variopinte processioni da incrociare nelle vie cittadine, partire dalla Cattedrale Sè Partical. Vicino al castello ci sono altre processioni, tra cui la tradizionale Auto da Paixão de Cristo, e a cena, il menù della Pasqua a Lisbona prevede capretto arrostito ed folar, torta da mangiare tassativamente la mattina di Pasqua.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Potrebbero interessarti anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 30 gennaio 2017