Crociere fluviali in Francia e Russia


Crociere fluviali

Crociere fluviali, un modo ancora poco noto di visitare un territorio, godendo dei paesaggi e anche della quiete dei fiumi e della vita in barca. Si tratta sempre di barche ospitali ma non troppo piene di animazione o di disturbanti attività, se non richieste, perfette quindi per una vacanza contemplativa e attenta a ciò che scorre davanti al nostro sguardo mentre siamo in crociera.



Crociere fluviali in Francia

La Francia è uno dei paesi dove questo tipo di offerta turistica è maggiormente sviluppata e nota, anche perché offre l’opportunità di scegliere tra numerose opzioni legate alle tante regioni di navigazione. Ciascuna ha il suo perché e si può scegliere quella che meglio risponde alle nostre aspettative e all’idea che ci siamo fatti delle crociere fluviali.

In Francia, il fil rouge è quello del buon vino e dell’ottima cucina, i paesaggi sono sempre “magnifiques” e non mancano le tappe di interesse storico o artistico. Tra gli itinerari più gettonati troviamo il Canal du Midi, il più antico canale d’Europa, che ci porta anche a Castelnaudary, Carcassonne e Béziers, e l’Aquitania, regione per golosi nel sud-ovest della Francia.

Crociere fluviali

Crociere fluviali sul Danubio

Anche il Danubio offre una interessante serie di crociere fluviali che riguardano tratti del suo lungo percorso che inizia nei boschi germanici della foresta Nera e termina nel Mar Nero. Attraversa ben dieci Stati, scorre per quasi 3.000 Km e permette di sfiorare culture diverse tra loro e molto stimolanti da conoscere.

Nelle crociere fluviali sul Danubio si può visitare Salisburgo, elegante e musicale, Passau, al centro di 8 itinerari ciclistici e punti di confluenza di tre fiumi, Link, città dalla antica tradizione industriale, Melk, con la sua abbazia benedettina, colossale, che domina uno sperone di roccia alto 60 metri. Proseguendo verso il Mar Nero si attraversano dolci pendii coltivati a vigna raggiungendo gradevoli borghi come Dürnstein, abbracciato dalle sue mura medievali.

Si possono toccare le capitali Vienna, Bratislava, Budapest, oppure dedicarsi all’ultimo tratto di fiume, al confine tra Serbia e Romania, dove si avvita in una strettoia larga solo 160 metri. In verità è una serie successiva di restringimenti che il fiume supera facendo un ultimo sforzo prima di gettarsi nel Mar Nero passando per la pianura della Valacchia.

Crociere fluviali

Crociere fluviali sul Volga

Quella sul Volga, tra le crociere fluviali in Russia, è la più classica, congiunge Mosca a San Pietroburgo o viceversa, e porta i visitatori sulle acque del più lungo fiume europeo che nasce nel Rialto del Valdaj nella Russia nordoccidentale e sfocia nel mar Caspio.

Salire a bordo di una crociera sul Volga è perfetto per toccare con mano e vedere con i propri occhi quanto è vasta davvero questa Russia. Difficile descrivere la sensazione che si prova navigando su questo fiume e attraversando i più grandi laghi europei, Ladoga e Onega,

Crociere fluviali in Russa

Le crociere fluviali in Russia sono quelle che collegano Mosca e San Pietroburgo, passando per un sistema di chiuse e bacini idrici, ma non solo. Ci sono anche delle alternative che ci conducono a scoprire boschi e isole verdeggianti nel cuore del Paese e il relax che questo paesaggio regala. Di solito le navi sono più funzionali e meno “da turisti”, semplici e confortevoli, per chi viaggia per vedere, lasciarsi incuriosire, meditare.

Crociere fluviali

Crociere fluviali: offerte

Di offerte sulle crociere fluviali ce ne sono diverse, cambiano a ciclo, anche a seconda delle stagioni, meglio osservare di volta in volta nei siti dedicati cercando un operatore che sia dedicato alla regione in cui desideriamo andare. In media di proporrà itinerari più autentici ed originali. Abbiamo finora parlato solo di alcune zone da visitare con le crociere fluviali ma ce ne sono anche in zone esotiche, in Africa, in America, in Asia, o su altri fiumi europei come l’Elba o il Reno.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 29 gennaio 2018