Le Cascate del Mulino di Saturnia


Le Cascate del Mulino di Saturnia sono sicuramente tra le attrazioni naturalistiche e suggestive di cui essere fieri. Alla vista si rimane estasiati e colpiti dalla straordinaria bellezza e forza della natura, unica e particolare nel suo genere. Le Cascate del Mulino sono il frutto della forza delle acque solfuree delle Terme di Saturnia che scendono dall’alto, formando delle piccole cascate che si riempiono continuamente d’acqua…..insomma sono un vero e proprio paradiso terrestre!

Le Cascate del Mulino di Saturnia, come raggiungerle
Per raggiungere le Cascate del Mulino bisogna percorre la strada che va da Saturnia verso i paesi di Manciano e Montemerano in Toscana. Si trovano a poche centinaia di metri dallo stabilimento termale di Saturnia. Le cascate sono facilmente riconoscibili grazie a un vecchio mulino, adesso in disuso dal quale prendono il nome.

Le Cascate del Mulino di Saturnia, le acque termali
È possibile concedersi un bagno oltre che salutare molto rilassante, immersi nella quiete della natura, in queste acque termali che sgorgano da una sorgente situata proprio sulle pozze naturali calcaree. Le acque solfuree termali che appunto giungono dalla vicina sorgente di Saturnia raggiungono temperature costanti intorno al 37° trattandosi di acque che fuoriescono da un cratere vulcanico.
Le acque racchiudono importanti e significative proprietà benefiche, che vanno ad agire sul sistema circolatorio, digerente, motorio e sulla pelle.

Le Cascate del Mulino di Saturnia, l’ingresso
Le Cascate del Mulino sono libere, è possibile dunque fare il bagno a tutte le ore del giorno e della notte…..e molti sostengono che il bagno notturno è qualcosa di estremamente meraviglioso, difficile da dimenticare.
Spesso le cascate sono teatro di feste notturne, con torce e falò per scaldare l’ambiente.
Poco distante dal fiume è possibile anche accamparsi con le tende avendo la possibilità di usufruire di un parcheggio e di un bar con servizi poco distante dalle cascate.

Insomma….un’esperienza da non perdere!

Pubblicato da Anna De Simone il 29 marzo 2013