Carnevale di Basilea: consigli


Carnevale di Basilea

Carnevale di Basilea, in Svizzera, dove gli apparentemente così seri abitanti mettono in scena una festa fantastica che dura giorni e che merita almeno una volta nella vita di essere vista. Meglio sarebbe parteciparvi, oltre che assistervi, perché il Carnevale di Basilea è molto coinvolgente, incastonato in uno scenario naturale che pochi paesi possono vantare.



Carnevale di Basilea: come arrivare

Per raggiungere il Carnevale di Basilea, visto l’afflusso abbondante soprattutto di svizzeri, la cosa migliore è prendere il treno arrivando nelle stazioni di Basilea Basel Baf BF e Basel SBB. Ci arrivano treni da Italia, Germania, Austria e Francia, in particolare da Milano ci si impiegano 4 ore, da Roma 9, una nottata.

Chi preferisce l’aereo, atterra all’aeroporto di Basel-Mulhouse-Freiburg, a 4 km dalla città ma in territorio francese. Grazie alla convenzione internazionale stipulata, non ci sono restrizioni doganali.

In auto, ricordandosi che in Svizzera c’è il pedaggio autostradale da pagare, salato, si deve prendere l’autostrada A3 se si arriva dalla Germania o dalla Francia, mentre la A2 collega il Carnevale di Basilea con Zurigo, Berna e Lucerna e ha un collegamento con l’autostrada dei Laghi per l’Italia, verso Milano e Chiasso.

Ci sono anche autobus in partenza per il Carnevale di Basilea da Bologna, Modena, Firenze, Milano, Messina e Catania, con prezzi piuttosto convenienti.

Carnevale di Basilea

Carnevale di Basilea: cosa accade

Tutto inizia il lunedì che segue il mercoledì delle ceneri, il Morgestraich, con una marcia di tamburi e pifferi nello Charivari a cui partecipano numerose maschere, ciascuna con piccole lanterne in testa. Si percorre centro storico illuminandolo a festa, a ritmo di musiche tradizionali.

I vari gruppi di partecipanti, detti le “clique”, nel pomeriggio, percorrono la città sfilando a scaglioni e facendosi ammirare dalla folla arrivata apposta per il Carnevale di Basilea. Tutto gira attorno ad un tema che viene di solito scelto mesi prima e che deve ispirare sia i costumi e le maschere, sia quei biglietti e quelle scritte che potremo poi vedere in mano alle clique.

La sera di lunedì si fa festa anche nei locali, decantando versetti in rima e non, gli Schnitzelbänken, martedì sera ci sono invece i “Guggemuusige”, dei musicanti mascherati che danno spettacolo. Da non perdere, il “Gässle”, lungo i vicoletti del centro.

Carnevale di Basilea

Carnevale di Basilea: dove dormire

Ci sono alberghi e alloggi per tutti i gusti disponibili per il Carnevale di Basilea, dal Grand Hotel Les Trois Rois, un 5 stelle antico e prezioso, affacciato sul Reno, ad un più accessibile ma comunque elegante Hotel Ramada Plaza, con una vista mozzafiato, fino all’Hostel St. Alban, un ostello messo a nuovo dagli architetti svizzeri Buchner Bründler, molto comodo e moderno. Per chi vuole una proposta alternativa, eccola: la Guesthouse 5 Signori, in ottima posizione e con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Carnevale di Basilea: dove mangiare

Prima di fornire indirizzi, vanno citati i piatti da gustare durante il Carnevale di Basilea. Intendo quelli tipici svizzeri come la “Raclette”, formaggio fuso servito con patate lesse con la buccia dette Gschwellti ,cetrioli e cipolline. Oppure l’Älplermagronen: gratin di patate, pasta, formaggio, panna e cipolle, con una mousse di mele. Noto è anche il Rösti, una schiacciata cotta dal sapore di patate.

Carnevale di Basilea

La cucina tradizionale è regina nel Zum Braunen Mutz, ristorante in stile birreria tedesca/bavarese, situato proprio in Barffusserplazt, ma è altrettanto tipico il Zur Harmonie. Se si preferisce stare in strada per non perdere il Carnevale di Basilea, allora nel mercato coperto, o Markthalle, ci sono molti chioschi per lo street food. Chi è invece in cerca di un po’ di pace per godersi un aperitivo o una cena sul Reno, può cercare il Rostiger Anker, anche romantico.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 26 gennaio 2017