Vacanze in un faro


vacanze in un faro

Vacanze in un faro, tra tutti i modi insoliti per trascorrere le proprie vacanze, eccone uno adatto per disintossicarsi dalle folle e dai rumori. Decomprimersi, togliersi dagli occhi i palazzi alti per soffermarsi sull’orizzonte piano del mare. Allo stesso tempo le Vacanze in un faro possono diventare una occasione romantica, o per scrivere le proprie memorie, o leggere quelle altrui. Sono una alternativa da valutare, nulla ha da invidiare ai viaggi avventura che promettono molto ma risultano poi poco illuminanti, di certo, mai quanto un faro.



Chi decide di trascorrere le proprie Vacanze in un faro deve prepararsi un minimo, per non essere colto alla sprovvista da piccoli fastidi che potrebbero rovinare la sua permanenza. Nulla di irrisolvibile, anzi, ma teniamo conto che queste strutture si trovano spesso in luoghi isolati, lontano dai centri abitati, quindi è meglio per prudenza portare con sé viveri necessari almeno per un paio di giorni.

Non sempre nei fari c’è l’acqua potabile ma non manca mai la rete elettrica quindi chi non riesce a staccarsi dal computer, può stare tranquillo, potrà navigare in rete anche dal faro, immaginando di essere un farista, mestiere ormai quasi scomparso.

Prima di andare ad esplorare le possibili mete per chi sta progettando delle Vacanze in un faro, un omaggio doveroso a quello di Alessandria, considerato una delle sette meraviglie del mondo antico: costruito sull’isola di Pharos dal 300 a.C. in poi doveva garantire una navigazione sicura e così ha fatto per secoli.

vacanze in un faro

Vacanze in un faro in Italia

In Italia le regioni più adatte per le Vacanze in un faro sono la Sardegna e la Toscana, ma tutte le coste meritano di essere esplorate con cura. Proprio nell’isola appena citata si trova il mio faro preferito, quello di Capo Spartivento. A soli cinquanta chilometri da Cagliari, è un riferimento da tempo, prima per i naviganti, a partire dal 1856, oggi per chi vuole trascorrere le ferie in pace e nella meravigliosa natura marina sarda.

E’ stato realizzato dalla Marina Militare e oggi nonostante sia proprietà privata, resta attivo con la sua lanterna, ospita turisti tutto l’anno offrendo loro anche una magnifica vista sul cielo stellato grazie ad un tetto di vetro.

Chi fa le Vacanze in un faro non deve per forza rinunciare a bagni e vita da mare, ad esempio vicino a questo ci sono le spiagge di Cala Cipolla e Su Giudeu. Cercando on line si trovano facilmente molti altri esempi di ex Fari oggi trasformati in B&B o in moderni Hotel dotati di ogni confort. Sempre vista mare.

vacanze in un faro sardegna

Vacanze in un faro in Croazia

La Croazia è uno dei primi paesi che in Europa ha capito che le Vacanze in un faro potevano diventare un bel business, infatti offre molte occasioni per chi sceglie questa opportunità e non fa che pubblicizzare soggiorni in Fari sia per chi cerca luoghi romantici e incontaminati, sia per chi agogna riposo e silenzio. Anche i più attivi, possono imparare ad apprezzare le Vacanze in un faro scoprendo che si conciliano perfettamente con attività sportive come immersioni, wind surfing, snorkeling, oppure con passeggiate naturalistiche e Bird-watching.

Nel numeroso elenco di proposte per Vacanze in un faro croato, ne ho scelti tre molto particolari. Il primo è il faro di Savudrija, il più vicino all’Italia, a 15 km da Trieste, costruito nel 1818 e alto 36 metri, ancora con un aspetto antico e particolarmente suggestivo. Merita anche il Faro di Prisnjak, sulla bella isola di Murter, costruito nel 1886 e raggiungibile con un traghetto in massimo mezzora dalla costa. Il Faro di Sveti Petar (Makarska), dal 1884 veglia su un angolo di paradiso come suggerisce il suo stesso nome, Petar, cioè Pietro, il custode delle chiavi dell’Eden.

vacanze in un faro croazia

Vacanze in un faro in Scozia

Più a nord, più fredda e più ventosa, ma suggestiva come poche altre terre, anche la Scozia è una zona in cui poter trascorrere indimenticabili Vacanze in un faro. Quello di Corsewall Lighthouse è un vero e proprio hotel per chi non vuole rinunciare né ai comfort né al panorama. Dal 1815 questa struttura guarda l’orizzonte e oggi è arredata con mobili d’epoca che fanno atmosfera.

L‘IncaMull of Galloway Lighthouse è incastonato tra villaggi di pescatori e vecchi ruderi di un castello, risale al 1830 ed è così bello che se non si prenota con grande anticipo ci si sogna di passarci le Vacanze. La vista è mozzafiato. Sempre in Scozia il North Ronaldsay Lighthouse veglia dalla sua isoletta tra greggi di pecore pregiatissime che l’hanno colonizzata rendendo lo scenario ancora più selvaggio. Ultima proposta scozzese è il Rua Reidh Lighthouse che si affaccia sulla scogliera e va bene per gli amanti del vento, per chi vuole stare fuori dal mondo, immerso nella natura e nelle pecore.

vacanze in un faro scozia

Vacanze in un faro in Bretagna

Riavviciniamoci a casa, con una tappa in Francia, un Paese che quanto a Vacanze in un faro non è da meno ai precedenti, anzi, o fari in Bretagna sono il simbolo della vita marittima e da tempo risultano noti anche ai non esperti. Basta pensare che questa regione possiede da sola oltre il 30% dei fari francesi oggi quasi tutti automatizzati.

Il mio faro bretone preferito è quello dell‘Ile Louet, situato nella baia di Morlaix, con tanto di cottage e affittabile con i prezzi da normale b&b ma con comfort, silenzio e orizzonti infiniti. Sulla costa bretone chi vuol fare Vacanze in un faro ne trova circa 80, non tutti accessibili, o adatti a dormirci, ma molti almeno visitabili, come nel caso di quelli di Saint-Mathieu, dell’Ile Vierge, di Le Stiff e di quello sull’isola di Ouessant, celebre per le sue luci, le più potenti al mondo.

vacanze in un faro bretagna

Vacanze in un faro: prezzi

A parte qualche eccezione, particolarmente conveniente, o in offerta per un limitato periodo, queste strutture così magiche sono piuttosto costose. Le Vacanze in un faro non sono per tutti i portafogli, ma è vero anche che possiamo trascorrerci pochi giorni, da godere appieno, per poi risparmiare sul resto del viaggio senza dover rinunciare ad una esperienza unica e illuminante.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Potrebbero interessarvi anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 23 settembre 2016