Volo cancellato, cosa fare?


Viaggiare in aereo consente di raggiungere nel minor tempo possibile la meta prestabilita. Tuttavia a volte bisogna fare i conti con qualche imprevisto, come per esempio un forte ritardo. Nella peggiore delle ipotesi può anche esserci la cancellazione del volo. Io viaggio spesso,  mi è successo di arrivare a destinazione con qualche ora di ritardo, fortunatamente mai che mi sia stato cancellato un volo. D’altra parte è un’ipotesi di cui bisogna tener conto! Cosa fare in questa circostanza? Di seguito vi darò tutte le indicazioni necessarie in caso di volo cancellato.


Volo cancellato, carta dei diritti
È bene sapere che chi viaggia in aereo può usufruire di una carta dei diritti dei passeggeri nel caso occorresse, si tratta di una sorta di codice che ci da la possibilità di essere tutelati in caso di problemi che possiamo riscontrare prima, durante e dopo il viaggio.
In questa carta, sono contemplati tutti gli inconvenevoli a cui si può andare incontro e le loro relative soluzioni. Ecco, nel caso di un volo cancellato, si ha diritto a un rimborso del biglietto che parte dai 250 euro per arrivare fino a 600 euro: l’importo dipende dalla tratta che dovevate percorrere a prescindere dai motivi del volo. Tale rimborso inoltre verrà erogato dalla compagnia aerea con la quale avete prenotato,
ATTENZIONE: Il termine per chiedere il rimborso viene fissato entro i 7 giorni, oltre tale termine i vostri diritti decadono. In alternativa al rimborso potete chiedere alla compagnia di provvedere a trovare un volo alternativo.

Volo cancellato, le clausole a tutela del viaggiatore
La compagnia aerea dovrà informarvi preventivamente  riguardo le modalità del rimborso del biglietto, oppure la possibilità di trovare un altro posto su di un volo alternativo.
Se la compagnia aerea riesce a trovare un imbarco alternativo, ci saranno delle clausole da rispettare a vostra tutela, pertanto la compagnia dovrà:

  • portarvi a destinazione finale
  • procurarvi tempi d’attesa molto brevi
  • caricarsi di tutte le spese qualora l’imbarco comportasse una sosta, insomma un pernottamento in albergo ed eventuali pasti
  • mettervi a disposizione il mezzo di trasporto che va dall’aeroporto fino all’albergo di pernottamento e relativo ritorno
  • sempre a livello gratuito, garantirvi due telefonate, o due messaggi via tele.

In ogni caso dovrà essere vostra premura essere delucidati in maniera esaustiva su tutti i dettagli del caso.

Volo cancellato, compagnia aerea inadempiente
Nel caso in cui i vostri diritti non venissero rispettati potete tutelarvi e richiedere un risarcimento presentando un reclamo direttamente alla compagnia aerea che ha cancellato il volo. Se non ricevete risposta nemmeno dalla compagnia aerea entro sei settimane, dovrete rivolgervi direttamente all’ENAC, cioè l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile. Per poter accedere a tale procedura bisogna che:

  • la partenza provenisse da un aereoporto appartenente alla Comunità Europea, alla Norvegia, all’Islanda o alla Svizzera
  • siate in partenza da un paese extracomunitario con una compagnia europea, ma comunque diretti verso uno degli Stati della Comunità Europea, o verso la Norvegia, l’Islanda o la Svizzera.

Pubblicato da Anna De Simone il 17 agosto 2013