Bruges: cosa vedere


Bruges cosa vedere

Bruges è chiamata la “Venezia del Nord” e questo non ci deve infastidire ma, anzi, rendere orgogliosi ed incuriosirci. Vale la pena di visitare questa città, la capitale delle Fiandre Occidentali, situata nel nord-ovest del Belgio. E’ molto particolare e renderla suggestiva sono sicuramente i suoi canali e le sue stradine, oltre ai tanti edifici medievali che si possono incontrare. Andiamo a farci un salto per visitarla, un paio di giorni sono perfetti per godersi Bruges, e per commettere qualche peccato di gola.



Bruges: cosa vedere

Bruges si può girare tranquillamente a piedi ed è molto piacevole passeggiare per le sue vie, interessanti, non troppo turistiche e decisamente pulite e caratteristiche. Si respira un’atmosfera fuori dal tempo.

Partiamo da Place Markt, la piazza del Mercato, la piazza più importante della città. E’ una spianata lastricata molto ampia, circondata da tantissimi locali dove è possibile fare una pausa per ammirare gli spazi, le architetture e anche il Belfort, la torre leggermente pendente che poi racconteremo.

Già in questa prima tappa si possono notare le abitazioni in stile fiammingo che si affacciano su piazza Markt, con il loro tetto appuntito e i loro colori variegati. Questa piazza è sempre piena di gente, turisti e non, ed è il posto migliore per iniziare la visita e prendere confidenza con il paese. Sempre da qui, partono anche delle carrozze che ci propongono di fare un giro panoramico dell’intera città a cavallo, volendo.

Un’altra piazza molto interessante, anche se più piccola, è piazza Burg, collegata con una stradina a piazza Markt. Per dimensioni è la seconda piazza di Bruges, ha la forma di un quadrato ed è molto antica, è il centro amministrativo e risulta mano caratteristica della piazza precedente. Allora torniamo proprio lì per ammirare la torre pendente di cui vi abbiamo già accennato. Il suo nome è torre del Belfort, detta anche Beffroi, ed è stata costruita e ricostruita in diversi secoli. E’ alta 83 metri ed è possibile salirvi in cima, a piedi, per ammirare lo splendido panorama della città, e non solo. Mentre faremo gli scalini, sentiremo suonare il carillon diverse volte, è il carillon della torre e suona ogni quarto d’ora una melodia diversa.

Un altro luogo molto caratteristico della città è il Bejinhof, in italiano Beghinaggio, non lontano dal centro storico e raggiungibile a piedi. Questo è il punto di Bruges in cui si trovavano le beghine, ecco perché si chiama “il beghinaggio”. Ci sono parecchie case di colore bianco che danno su un cortile che risulta isolato dal resto della città.

Il luogo perfetto per quelle donne, le beghine infatti, che professavano una vita monastica senza voti e senza appartenere alla struttura gerarchica della Chiesa cattolica. In questo complesso di case c’è anche una chiesa e moltissimo silenzio, quasi surreale. Vale la pena di visitarlo, anche se non c’è nulla di straordinario da vedere, perché è un’esperienza curiosa e interessante.

Durante una visita a Bruges, si possono visitare anche i suoi musei anche se non sono la prima attrazione turistica della città. Può però essere interessante fare un salto al Museo del cioccolato, il Choco Story, oppure al Museo delle patatine fritte, visto che si tratta di un piatto tipico Belga: patatine fritte due volte. Non può mancare, allora, il Museo della birra: il Beer Museum, esattamente in piazza Markt.

Bruges cosa vedere

Bruges: cosa fare

Un’esperienza molto divertente e interessante da fare a Bruges è quella del giro in battello tra i canali che ci permette di guardare le vie e gli scorci da un punto di vista differente e a 360 gradi. Un giro in battello non dura molto più di 30 minuti e si riescono a sfiorare molti dei luoghi che abbiamo già citato, oltre al Minnewaterpark di cui ora raccontiamo.

Questo splendido parco è un luogo magico, il luogo perfetto per immergersi nel verde e camminare, rilassarsi e fare sport visto che c’è un vero e proprio circuito per runner e per ciclisti che gira attorno alla città di quasi 9 chilometri e che ovviamente attraversa anche il parco.

Dopo tanto camminare, sarà il caso di mangiare qualcosa. Cosa? A Bruges, da assaggiare ci sono i waffles. Questo è un dolce tipico belga, una cialda croccante dalla forma quadrata ottenuto cuocendo la pasta su apposite piastre che ricreano la caratteristica principale del waffle: una sorta di scacchiera. Si possono poi farcire nei modi più svariati, i classici sono con cioccolato, frutta, panna montata ma c’è chi li mangia anche con farciture salate o agrodolci.

Non sarà difficile trovare una wafflerie in città, ma se non la trovate, potete consolarvi entrando in una delle tantissime cioccolaterie che sicuramente incrocerete passeggiando.

Per chi ama la birra, c’è la possibilità di gustarne molte da queste parti, assieme a qualche stuzzichino, in piazza oppure in riva ad un canale. Tral le birrerie più note c’è la “Brugge Fotoplaats”, molto famosa, situata sulla Wollestraat subito dopo il ponte sul canale.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebook e Instagram

Richiedi itinerario personalizzato

Pubblicato da Marta Abbà il 3 Marzo 2019