Cosa vedere a Bruges


bruges
Bruges, piccola città belga, situata a 90 km dalla capitale Bruxelles, è una delle mete in assoluto più visitate di tutta la Nazione. La bellezza di questo centro sta proprio nella sua diversità rispetto alla grande metropoli; Bruges è un centro piccolo, contenuto, intimo, antico, dove si respira un passato lontano. Si tratta di una piccola cittadina medioevale, capoluogo delle Fiandre occidentali, cuore pulsante della Comunità Fiamminga.


Il centro storico si articola all’interno delle antiche mura e conserva i tratti tipici medioevali: ben conservato e assolutamente bellissimo, è stato incluso nel 2000 all’interno dei patrimoni dell’Umanità sanciti dall’Unesco. Ecco, a seguire, i luoghi principali da visitare nella cittadina di Bruges:

Cosa vedere a Bruges, le attrazioni

  • Burg

Il punto di partenza per una visita di Bruges non può che essere il Burg, che insieme al Markt rappresenta una delle due piazze centrali del borgo. Si tratta di una piazza regale ed elegante costellata da una serie di affascinanti costruzioni. Il municipio è uno dei palazzi assolutamente imperdibili, una visita all’interno è assolutamente raccomandata: potrete ammirare la Sala del Consiglio Cittadino, la sala gotica con la volta policroma e i murali, e una installazione che mostra l’evoluzione del Burg. Da non perdere, inoltre, in questa piazza la Basilica del Sacro Sangue, chiamata Basiliek van het Heilig Bloed, una costruzione religiosa che incorpora due chiese: la sottostante romanica San Basilius e la sovrastante basilica del 15esimo-16esimo secolo.

  • Markt

La piazza del Markt è la seconda piazza della città, che come si evince dal nome è quella che sin dall’antichità aveva il compito di ospitare i mercati. Anche in questo caso, come per il Burg, la piazza di grandi dimensioni è circondata da una serie di interessanti palazzi caratterizzati dal tradizionale frontone triangolare, tipico delle case fiamminghe, e dai diversi colori. Le costruzioni che la circondano sono per lo più le antiche sedi di corporazioni dei lavoratori, oltre alle belle Bouchoutehuis, ovvero le fascinose case in mattoni rossi risalenti alla fine del 15esimo secolo. Da non perdere poi il Craenenburg, l’edificio dove venne fatto prigioniero l’imperatore Massimiliano d’Austria. Qui si trova, inoltre, la più bella torre campanaria del Belgio, ovvero il Belfort, con i suoi 83 metri d’altezza, il carillon di 47 campane. Si tratta di una costruzione che vanta l’appartenenza ai beni dell’Unesco.

  • Begijnhof

I Begijnhof sono i beghinaggi (Begijnhof in fiammingo), complessi architettonici nati intorno al XIII secolo proprio nelle Fiandre e diffusosi poi nel resto del Nord del Vecchio Continente che ospitavano le beghine, ovvero donne sole, a volte vedove o orfane, spesso di ricche famiglie. A Bruges il Begijnhof è un portale settecentesco che fa parte dei beni dell’Unesco, oggi abitato da monache benedettine.

  • I Canali

Una delle attrattive della città sono i suoi molti canali navigabili che l’hanno resa in passato un importante centro mercantile e che oggi sono utilizzati solo a fini turistici. Bellissimo il lago Minnewater che si dirama proprio in corrispondenza del Begijnhof, una zona di assoluto relax e di grande fascino. La Bruges acquatica è una delle più belle zone della città: i ponti pittoreschi, i giardini che si snodano tra un canale e l’altro e gli scorci panoramici eccezionali sono gli elementi che potrete ammirare qui.

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Anna De Simone il 18 maggio 2015