Cosa vedere a Trapani



Trapani è una città che non vi deluderà: la sua posizione geografica già di per sé vale una visita in questo centro siciliano. Si tratta di una vera e propria perla del Mediterraneo, collocata tra mari e monti, circondata da isole di rara bellezza e caratterizzata da un clima assolutamente invidiabile. Sono moltissimi i luoghi di interesse storico-artistico-architettonico che potrete ammirare a Trapani. Ecco una lista dei posti assolutamente imperdibili.

Cosa vedere a Trapani

Il complesso dell’Annunziata
Costruito dai Carmelitani il complesso dell’Annunziata comprende l’omonimo Santuario più il principale museo della città, ovvero quello di Pepoli. Per quanto riguarda la costruzione religiosa si tratta di un edificio del 14esimo secolo, caratterizzato da una facciata gotica sovrastata da un bellissimo rosone. Da non perdere la Cappella dei Marinai in tufo, quella dei Pescatori con la cupola affrescata e quella della Madonna, raggiungibile passando sotto a un bellissimo arco di stampo rinascimentale. Sull’altare potrete ammirare la statua di Nino Pisano chiamata “Madonna di Trapani”. Proprio vicino al Santuario dell’Annunziata si trova il Museo Pepoli famoso perché ricostruisce il periodo d’oro della storia della città legato alla produzione di coralli e utile per chi volesse riassumere tutta la storia di Trapani, dalla preistoria al 19esimo secolo.

I palazzi
Bellissimo il centro storico di Trapani che rappresenta il nucleo antico e che conserva ancora oggi le caratteristiche tipiche delle cittadine arabe, con le piccole vie intricate. Da non perdere i bellissimi palazzi, come quello Ciambra, chiamato anche palazzo della Giudecca, realizzato nel 16esimo secolo e caratterizzato da uno stile plateresco e situato nel quartiere ebraico;il Palazzo Senatorio (o Cavarretta) con le sue colonne e le sue statue e la sua facciata con i due orologi; i settecenteschi Palazzo Riccio di Morana circondato da statue e il Palazzo Milo che dominanavano l’antica Rua Nova, oggi chiamata via Garibaldi. E ancora Palazzo Fardella di Mokarta, Palazzo Melilli, e Palazzo Berardo Ferro e la sede del Vescovado.

Le chiese
Sempre nel centro storico spiccano interessanti costruzioni religiose: tra tutte spicca la Cattedrale di San Lorenzo, realizzata nel Seicento sopra un preesistente edificio del Trecento. Si tratta di una chiesa barocca che conserva al suo interno alcuni interessanti dipinti fiamminghi. Bella, per il suo portale catalano anche la Chiesa di Santa Maria del Gesù, datata nel Cinquecento. Da non perdere, poi la Chiesa del Collegio, con la sua facciata manieristica realizzata nel corso del Seicento. E ancora la Badia Nuova (S. Maria del Soccorso) con il suo arredo barocco e la Chiesa di Sant’Agostino, che vanta una lunghissima storia: fu infatti edificata dai templari nel 1300 e parzialmente distrutta nel corso della seconda guerra mondiale. Oggi è possibile ancora ammirare il suo rosone e il portale gotico, oltre che la bella fontana dedicata a Saturno che venne realizzata nel 1342 proprio di fronte alla chiesa.

La Torre di Ligny
La Torre di Ligny viene considerata una sorta di simbolo della città perché rappresenta la punta estrema del disegno della falce che la città di Trapani forma. Fu realizzata a scopi difensivi nella seconda metà del Seicento: da qui è possibile ammirare una fantastica vista panoramica sulla città e sulle vicine isole Egadi.

Le vie
Due sono le vie principali di Trapani: si tratta di Via Garibaldi e corso Vittorio Emanuele, un tempo conosciute rispettivamente come Rua Nova e Rua Grande. Si tratte delle più belle arterie viarie di questo centro, caratterizzati da importanti palazzi, negozi, locali.
Biblioteca Fardelliana
Se amate l’arte antica non perdetevi la serie di incisioni (collezione Gatto) ospitata all’interno della Biblioteca Fardelliana.

Erice
A soli tredici chilometri di distanza da Trapani si trova il borgo pittoresco di Erice: un comune medioevale d’immensa bellezza che ha cambiato nome nel 1934 (fino ad allora era conosciuto come Monte San Giuliano) e che deve il suo nome attuale a un personaggio mitologico, Erix, figlio di Afrodite e di Boote, ucciso da Ercole. Dalle mura medioevali al castello normanno, dalle rovine del Tempio della Venere Ericina alla Chiesa Madre dell’Assunta: questo e molto altro sono quello che potrete ammirare a Erice, senza dimenticare le fantastiche viste panoramiche sulla città di Trapani.

Pubblicato da Anna De Simone il 31 ottobre 2013