Sperlonga: dove si trova e cosa vedere


Sperlonga

Sperlonga è uno dei più bei borghi che l’Italia possa vantare ed è fortunatamente piuttosto noto al contrario di altri paesini altrettanto belli ma più sfortunati a livello di marketing e di fama. Oggi però siamo in gita, virtuale, a Sperlonga e restiamo con lo sguardo diretto a questa magnifica cittadina dove storia, arte, cultura e tradizioni sono di casa.



E’ una meta perfetta per chi è curioso e ama le vacanza da cui si torna con tante foto e storie da raccontare su quanto si è visto e spesso anche imparato. Sì perché dalle ferie si può tornare anche più ricchi di informazioni e di bellezza, quella delle opere di arte di cui il nostro paese è pieno.

Sperlonga Latina

Meglio non dare per scontato che tutti sappiano dove si trova questo comune italiano di meno di 4 mila abitanti che in dialetto locale si chiama Spëlònghë. E’ situato in provincia di Latina nel Lazio meridionale, in particolare è abbarbicato su uno sperone di roccia, nella parte finale dei Monti Aurunci e guarda verso il Golfo di Gaeta, mar Tirrene, attorno a questo sperone il territorio è pianeggiante.

Sperlonga: dove si trova

Vediamo come raggiungerlo una volta compreso dove è sulla cartina, In auto si può prendere l’autostrada del Sole Roma-Napoli, A1 fino all’uscita più vicina a Sperlonga che è quella di Cassino. Si può arrivare anche in treno prendendo al linea Roma-Napoli, scendendo alla stazione di Fondi per poi proseguire con un autobus urbano.

C’è anche la possibilità di sbarcare a Sperlonga dove ci accoglierà un piccolo porto turistico, ma solo se abbiamo una di quelle imbarcazioni private che vi possono fare accesso. Chi arriva da lontano non può che avvicinarsi a questo borgo in aereo, atterrando a Napoli da cui Sperlonga dista infatti 120 km. Se i voli, o i costi dei voli, ci fanno preferire Roma, nulla di grave perché siamo solo a 150 km dalla nostra meta.

Sperlonga: dove si trova

Sperlonga: cosa vedere

Anche se non è la meta più comoda del mondo da raggiungere, vale la pena di cambiare qualche treno oppure di fare un po’ di strada che non sia in piena autostrada per poter poi godere della spettacolare cittadina che è Sperlonga. Ha decisamente il fascino del tipico borgo italiano, è fatta di viuzze dall’aria antica ed è ricca di scorci suggestivi, perfetti per una vacanza romantica come anche per una vacanza da amanti della storia dell’arte.

Per chi preferisce visitare i musei, c’è il Museo archeologico locale, nei pressi della Grotta di Tiberio, che custodisce quelle belle statue che un tempo decoravano la città. Un’altra meta per appassionati di storia antica è la Villa di Tiberio.

Girando per Sperlonga si può notare che ciò che la rende così caratteristica dal punto di vista strutturale, sono le quattro torri tipiche delle città costruite nel Medioevo che ne sono fornite a scopo difensivo. In questo caso erano in Saraceni ad andare all’attacco della città, oggi all’attacco di Sperlonga ci vanno i turisti che se in massa possono rovinarla, se educati, valorizzarla e poi raccontarla agli amici con un buon effetto di Passaparola molto importante per il turismo dei piccoli borghi come questo.

Tornando alle Torri, ci sono La Torre Centrale e la Torre del Nibbio che oggi sono incorporate tra le case del paese, mentre la Torre Truglia, è stata più volte restaurata e negli anni ha ospitato più enti e realtà tra cui anche la Guardia di Finanza. C’è poi anche la “Torre di Capovento”, a 3 km a sud del paese, anch’essa costruita nel 1532 e utilizzata come dogana dal 1820. Da vedere a Sperlonga anche le varie piccole chiede che si incontrano quasi inevitabilmente passeggiando per il centro.

Sperlonga: spiaggia

Le spiagge che troviamo in questa zona sono fatte di sabbia fine e dorata e molte hanno meritato gli scorsi anni la Bandiera Blu come è accaduto a quelle di Sperlonga. Tra un tratto di sabbia e l’altro ci sono degli speroni che rendono la costa più vivace e varia, anche dal punto di vista turistico. Questo infatti si traduce nella presenza di calette davvero molto suggestive, a volta addirittura raggiungibili solo con una barca e per questo quindi molto ambiziose e riservate.

Vediamo alcune delle spiagge invece più semplici da frequentare e quindi molto più frequentate. C’è quella di Canzatora, ad esempio, amata dalle famiglie con bambini, non enorme e quindi a volte un po’ troppo fitta come presenze, soprattutto nell’alta stagione.

Sperlonga: spiaggia

Molto popolata anche la spiaggia di Fontana, essendo vicino al centro, ma la cosa buona è che si incontrano anche bagnanti del posto con cui scambiare qualche chiacchiera per conoscere Sperlonga con gli occhi di chi ci vive non qualche settimana all’anno ma almeno una cinquantina. Salette è una delle spiagge principali e più amate, per la sua sabbia finissima di colore chiaro e per le sue acque limpide, ma soprattutto perché più spaziosa, di fatto.

Sperlonga: mangiare e dormire

Ci sono diversi tipi di soluzioni per dormire a Sperlonga e di certo si può scegliere con grande libertà tra il classico hotel o il più comodo residence, oppure puntare su appartamenti in affitto o campeggi. Tutto dipende dalla vacanza che stiamo organizzando e dal budget, ma anche dallo stile di turismo a cui siamo abituati e che gradiamo,

Solitamente gli hotel sono pieni di famiglie con bambini, anche provenienti da oltre confine. L’offerta è ampia e diversificata anche per quanto riguarda la ristorazione perché la località di cui stiamo parlando è molto attrezzata e può offrire piatti tipici ma anche ricette da fast food. I piatti di pesce la fanno da padrone, come immaginabile.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Potrebbe interessarvi anche Norcia

Pubblicato da Marta Abbà il 6 settembre 2018