Visitare Parigi in 3 giorni


ParigiVisitare Parigi in tre giorni è possibile e vi permetterà di vedere tanti luoghi spettacolari: vi basterà seguire il nostro itinerario e i nostri consigli per ottimizzare tempi e costi!

Iniziamo dal viaggio: tante sono le compagnie aeree anche low cost che collegano le principali città italiane con Parigi, ma fate attenzione all’aeroporto di arrivo. Seppur tutti gli aeroporti siano ben collegati con i mezzi pubblici al centro città, preferite l’aeroporto di Charles De Gaulle oppure Orly, i più vicini al cuore della capitale francese.

Appena arrivate acquistate l’abbonamento “Paris Visite” che vi permetterà di circolare liberamente su tutti i mezzi pubblici (autobus, metropolitana, RER) incluso gli autobus che collegano i principali aeroporti. La Paris Visite ha diversi periodi di validità, scegliete quella da 3 giorni che con circa 21 euro vi porterà dappertutto con corse illimitate. Per evitare lunghe code, un valido aiuto è la Paris Museum Pass, che per 2 giorni vi costerà 35 euro e vi farà entrare in oltre 60 musei e monumenti evitando lunghe code e risparmiando così tempo e denaro.

Ma veniamo all’itinerario per visitare Parigi in 3 giorni:

1° giorno – Dopo la mattinata dedicata agli spostamenti, la visita di Parigi non può che cominciare dalla magica atmosfera della Tour Eiffel. Scendete alla fermata Trocadero e dalla terrazza panoramica passeggiate verso il simbolo della Ville Lumiere fino ad arrivare fin sotto per ammirarla da ogni prospettiva. Salite a piedi o con l’ascensore e godetevi il panorama. La zona ha diversi imbarchi per il giro in battello della città con i Bateaux Mouches, il modo più caratteristico per scoprire Parigi. Se avete ancora forze, prima della cena sulla rive gauche nel quartiere latino o a Saint-Germain, visitate l’Hotel des Invalides e la tomba di Napoleone in tutta la sua maestosità

2° giorno – La giornata inizia di buon mattino con il Louvre, da visitare anche se l’arte non è tra gli interessi personali più spiccati. All’uscita non perdetevi i giardini delle Tuileries, la frequentata Rue de Rivoli, fino a Place de La Concorde. Fate una bella passeggiata lungo gli Champs Elysées e, se la stanchezza inizia a farsi sentire, con qualche fermata di metro raggiungete l’Arc de Triomphe. Da li ripartite sempre in metro per l’Esplanade de la Defense, capolavoro di architettura moderna. Per cena potete intrattenervi nei numerosi ristoranti e bar del quartiere di Montmarte, dove si trova anche il famoso Moulin Rouge.



3° giorno – Terzo e ultimo giorno, parola d’ordine: passeggiare. Da vedere la Cattedrale di Notre Dame, un po’ di shopping in Place Vendome, passando per il Pantheon e il moderno Centre Pompidou.

Se vi piace l’architettura moderna merita una visita anche il quartiere la Defense. Respirate l’atmosfera magica di Parigi e salutatela, senza dubbio con un po’ di malinconia.

Per avere altri spunti interessanti potete scaricare gratuitamente la nostra guida su Parigi in formato .pdf nella sezione “Guide di Viaggio” di Globopix: troverai suggerimenti su altri luoghi da non perdere, completi di foto e indicazioni per raggiungerli con i mezzi pubblici, cartine, hotel, ristoranti consigliati, discoteche e locali trendy per la notte.

Sempre nella nostra guida troverete anche i dati storici sul clima a Parigi mese per mese, con ore di luce, giorni di pioggia, temperature minime, medie e massime e altri dati utili per scegliere il momento migliore per visitare Parigi.

Prima di partire, vi consiglio anche di guardare il fotoitinerario su Parigi e il video su Parigi disponibili sul nostro sito, Globopix.it, grazie ai quali potrete vedere tutti i luoghi da non perdere!

Nel caso vogliate prenotare un hotel online alle migliori tariffe per la vostra visita di Parigi in 3 giorni, potete verificare le disponibilità online nella sezione dedicata a Parigi realizzata in collaborazione con Booking.com che ha stretto accordi con oltre 3.000 hotel di Parigi.

Ti potrebbe interessare anche Metro Parigi: consigli e prezzi e Parigi Quartiere Latino

Pubblicato da Matteo Di Felice il 10 novembre 2011